Scroll Top
the-rig

The Rig

Ci troviamo su una piattaforma petrolifera (“rig”, appunto), al largo della Scozia, dove, a poche ore dal cambio del turno, scende inaspettatamente una nebbia che impedisce all’elicottero di andare a recuperare l’equipaggio per portarlo sulla terraferma. Le comunicazioni si interrompono e ci sono scosse sotterranee che fanno tremare tutta la struttura.

Il capo dei tecnici, Magnus (Iain Glen, che abbiamo già visto nei panni di Jorah Mormont, consigliere della madre dei draghi ne “Il trono di spade”) insieme alla sovrintendente Rose (Emily Hampshire) cercano di capire cosa stia succedendo.

Ben presto si renderanno conto che la nebbia ha portato con sé qualcos’altro: una sorta di cenere, che rigenera le ferite, ma prende possesso anche del corpo dello sfortunato che entra in contatto con essa. Magnus è costretto a sedare le varie tensioni che nascono in questa situazione di stress. Isolati dal mondo, circondati solo dal mare e con elementi dell’equipaggio sempre più sotto pressione, sembra davvero difficile uscirne senza una soluzione immediata.

Soluzione alla quale arriva la sovrintendente, tramite diversi esperimenti, attraverso i quali scoprirà da cosa è composta la cenere e perché ha la capacità di possedere un corpo.

Non vi diciamo ovviamente tutto: vi basti sapere che la serie tocca temi molto attuali. E che la natura vuole sempre riprendersi i propri spazi. Ho detto troppo? :-p

La serie ha solamente 6 episodi che scorrono molto velocemente, per cui lo spettatore è invogliato nad arrivare fino alla fine.

Curiosità: nella serie, l’antagonista principale di Magnus nelle fasi di tumulto dei lavoratori della piattaforma è Lars Hutton, interpretato da Owen Teale, anche lui nel cast del Trono di spade, nei panni del ranger dei Guardiani della Notte Alliser Thorne. Ma i due non hanno mai girato scene insieme.

 

Recent Posts
Clear Filters

Ricordiamo colui che ha rivoluzionato il mondo della chitarra elettrica e ispirato tanti musicisti: Jeff Beck.

In anteprima esclusiva su 100Decibel, il video di “Dysphoria” degli Urban Cairo dal 28 giugno in radio e sulle piattaforme digitale.

Add Comment

Related Posts