Scroll Top
bob-dylan-un-nuovo-cofanetto

Bob Dylan un nuovo cofanetto

Il 17 novembre esce Bob Dylan – The Complete Budokan, via Columbia Records e Legacy Recording, divisione catalogo di Sony Music Entertainment, un cofanetto deluxe che celebra il 45° anniversario dei primi concerti di Bob Dylan in Giappone durante il tour mondiale del 1978.

Il cofanetto comprende infatti i due spettacoli completi, originariamente registrati su nastri analogici multitraccia a 24 canali, che si sono tenuti in Giappone alla Nippon Budokan Hall di Tokyo il 28 febbraio e 1 marzo 1978 e offre ai fan 36 performance inedite di Dylan. Non è mai stato pubblicato prima un concerto completo di quel tour!

Presentato in una lussuosa confezione deluxe, il box “The Complete Budokan 1978” include quindi le registrazioni live complete alla Nippon Budokan Hall di Tokyo in 4CD con 58 brani, di cui 36 performance inedite, riproduzioni di cimeli unici, come biglietti dei concerti, 2 poster, due annunci stampati fedeli all’originale, una copia del libretto originale di “Bob Dylan At Budokan”, un libro fotografico a colori di 60 pagine con foto inedite di Dylan sul palco e dietro le quinte, all’aeroporto, delle conferenze stampa e altro ancora, e note di copertina esclusive.

 

 

Sempre dal 17 novembre le 58 tracce saranno disponibili in digitale e usciràBob Dylan – Another Budokan 1978”, un’edizione in 2LP con gli highlights del cofanetto, contenente 16 brani inediti selezionati.

Il Bob Dylan World Tour del 1978 fu il primo tour mondiale di Bob Dylan dal 1966 e rappresentò il suo ritorno live dai tempi della Rolling Thunder Revue (1975-76), con cui aveva conquistato il Nord America. Durò un anno e vide il musicista statunitense esibirsi in 114 concerti tra Asia, Oceania, Nord America ed Europa, per un pubblico complessivo di due milioni di persone.

Il tour iniziò nel febbraio 1978 con undici esibizioni storiche: i primi concerti in assoluto di Dylan in Giappone che includevano otto spettacoli al venerato Nippon Budokan Hall di Tokyo. Due degli spettacoli al Budokan, il 28 febbraio e il 1 marzo 1978, furono registrati su nastro analogico multitraccia a 24 canali. 22 performance estratte da quegli spettacoli uscirono su “Bob Dylan At Budokan, un set composto da 2 LP pubblicato per la prima volta dalla Columbia Records solo in Giappone nel novembre 1978, seguita da un’uscita globale nell’aprile 1979 in risposta alle continue richieste.

Per le sue esibizioni del 1978, Dylan (rhythm guitar, harmonica, vocals) guidò un ensemble composto da Billy Cross (lead guitar), Ian Wallace (drums), Alan Pasqua (keyboards), Rob Stoner(bass, vocals), Steven Soles (acoustic rhythm guitar, vocals), David Mansfield (pedal steel, violin, mandolin, guitar, dobro), Steve Douglas (saxophone, flute, recorder), Bobbye Hall (percussion), Helena Springs (vocals), Jo Ann Harris (vocals) e Debi Dye (vocals). L’album “Bob Dylan At Budokan” fu prodotto da Don DeVito, che aveva anche diretto Street-Legal di Dylan, registrato e pubblicato durante il tour mondiale del 1978, con gli stessi musicisti.

 

Secondo Tetsuya Shiroki, co-produttore di “The Complete Budokan 1978”, le registrazioni recentemente restaurate, remixate e rimasterizzate «… catturano davvero due giorni di questo tour storico. Niente è stato rimosso o alterato in alcun modo».

Molte persone coinvolte nell’album parziale “Bob Dylan At Budokan” si sono riunite per la nuova uscita. Sotto la supervisione di Heckel Sugano, all’epoca product manager della CBS Sony per Bob Dylan in Giappone, l’ingegnere responsabile della registrazione del 1978 ha lavorato al nuovo remix del 2023 utilizzando i multi-nastri originali a 24 canali, mentre la copertina dell’album mostra opere d’arte degli stessi fotografi dell’originale.

L’ingegnere capo Tom Suzuki afferma: «Abbiamo mixato il disco con la parola chiave ‘passione’ in mente. Il risultato è un mix che supera la versione originale del 1978, fornendo un suono più nitido e chiaro in cui ogni strumento e la voce di Bob Dylan sono distintamente udibili».

Heckel Sugano afferma: «L’album completo documenta il suono straordinario dei leggendari spettacoli del Budokan che sono impressi per sempre nella storia. Abbiamo cercato di riprodurre fedelmente il suono che il pubblico giapponese ha sentito nella sala da concerto…».

Nel suo saggio di copertina per “The Complete Budokan 1978”, la critica musicale Edna Gundersen osserva che l’album originale di “Bob Dylan At Budokan«ha subito una rivalutazione equilibrata nel corso dei decenni man mano che consumatori e critici hanno iniziato ad ammirare i suoi arrangiamenti avventurosi e le sue performance provocatorie». Annuncia la nuova uscita restaurata e rimasterizzata, scrivendo che «Catturato al Budokan, Dylan è di buon umore e concentrato. Canta con brio e urgenza, la sua voce chiara e melodica e il suo fraseggio impeccabile come sempre…. La band crepita con energia impetuosa…. (Dylan) vedeva il palco come un terreno di prova che dava vita alle sue melodie».

Recent Posts
Clear Filters

Intervista ai Polo Territoriale sul loro brano “Pamela” una giovane donna alle prese con le sfide della dipendenza

14 Giugno seconda serata del tour Funziona solo se stiamo bene insieme di Biagio Antonacci alle Terme di Caracalla di Roma.

Il concerto dei CCCP al Rock in Roma è stato un evento epocale. Un ritorno trionfale che ha dimostrato la forza immortale della loro musica

Add Comment

Related Posts