Scroll Top
mannoia-rea-e-luce-sia

Fiorella Mannoia & Danilo Rea, e Luce sia

La luna di giugno illumina di candele la sera settembrina. Non è un bizzarro messaggio in codice, ma quanto andato in scena a Castiglione del Lago, grazie all’organizzazione del festival Moon in June che ha portato in Umbria Fiorella Mannoia e Danilo Rea per un Candlelight concert. Un concerto molto emozionante e particolare non solo per l’amalgama dei protagonisti – artisti di grande classe, spessore e sensibilità – ma grazie proprio alla particolare suggestione e al calore delle innumerevoli candele che ricoprivano il palco (non a caso “Luce” è il titolo del tour che ha fatto tappa alla Rocca del Leone) e alla stessa location (purtroppo sempre afflitta da un annoso problema di insetti, al quale sembra non si trovi soluzione). Anche la scelta dei brani in scaletta (“quelli che più ci piacevano“), con moltissimi successi (come La cura, Besame mucho, Sally, La donna cannone … v. scaletta) di altrettanto grandi artisti ha fatto facilmente breccia nei cuori del pubblico, che infatti ha a lungo cantato insieme, o in “duetto”, con la cantante romana.

Scaletta:
Piano solo Medley
Oh che sarà (C. Buarque)
Come si cambia (F. Mannoia – Pareti/Piccoli)
C’è tempo (I. Fossati)
La donna cannone (F. De Gregori)
La cura (F. Battiato)
Sulo pe’ parla’ (P. Daniele)
Bésame mucho (E. Tuero)
Quizás, quizás, quizás (O. Farrés)
Messico e nuvole (E. Jannacci)
Felicità (L. Dalla)
E penso a te (L. Battisti/Mogol)
Insieme (Mina – Battisti/Mogol)
Sally (V. Rossi)
Via con me (P. Conte)

Margherita (R. Cocciante)
Quello che le donne non dicono (F. Mannoia – Ruggeri/Schiavone)
Io che amo solo te (S. Endrigo)

Sempre e per sempre (F. De Gregori)

Recent Posts
Clear Filters
Si vous cherchez un endroit put jouer oщ vous pouvez vraiment

Si vous cherchez un endroit put jouer oщ vous pouvez vraiment Vous pourriez trouver ce que vous cherchez sur Casinozer…

In anteprima esclusiva su 100Decibel, il video del nuovo singolo di Giuseppe Gazerro e la Resistenza Acustica

20 Maggio, sarebbe stato l’ottantesimo compleanno di Joe Cocker una delle voci più distintive e potenti del rock e del blues

Add Comment

Related Posts