Scroll Top
da-sanremo-al-superbowl

Da Sanremo al Superbowl

Mentre in Italia si stava ancora parlando della vittoria di Marco Mengoni al Festival dei fiori, ma anche del bacio tra Rosa Chemical e Fedez, dalla parte opposta del mondo si teneva la più importante manifestazione sportiva statunitense, capace di incollare agli schermi più di 100 milioni di spettatori.

Sto parlando del Superbowl numero 57 che si è tenuto allo State Farm Stadium di Glendale, in Arizona.

Per la cronaca si affrontavano i Philadelphia Eagles e i Kansas City Chiefs, a trionfare a 8 secondi dalla fine questi ultimi per 38 a 35.

Ogni anno l’attesa non è solo per l’evento sportivo, ma anche per il famoso “Half Time Show”, un mini concerto che si tiene nell’intervallo della partita, una vera corsa contro il tempo in cui in 20 minuti si monta e smonta un palco vero e proprio con tanto di luci ed effetti speciali, tutto sincronizzato al secondo.

Tanti gli artisti che si sono esibiti in passato in questo spazio, tra loro Prince, Bruce Springsteen, Michael Jackson, Gloria Estefan, Aerosmith e U2.

Nella notte italiana del 13 Febbraio (negli USA era ancora il 12), il palco ha ospitato Rihanna che non ha avuto ospiti, anzi uno si.

Lei che in passato ha rifiutato per ben due volte di esibirsi in questo spettacolo (ndr. era stata contattata nel 2018 e nel 2019), ha messo subito in chiaro che non era li per caso, si è presentata vestita di rosso fuoco aderente alle curve, che faceva capire che è in arrivo la seconda gravidanza.

Ha iniziato la sua esibizione con “Bitch Better Have My Money” su un palco mobile e sopraelevato comparso al centro del campo e durante quei 13 minuti di set, Rihanna ci ha ricordato che è ancora una potenza, non importa quanto a lungo abbia fatto aspettare i fan.

Poche apparizioni dopo il successo dell’album “Anti” del 2016, acclamato dalla critica, la superstar, piuttosto solitaria, si è fatta vedere solo una manciata di volte: una strofa su “Lemon” dei N.E.R.D. nel 2017, un’altra su “Believe It” di PartyNextDoor nel 2020.

Nel 2022 ha avuto il suo primo figlio con il compagno e, nello stesso anno, ha pubblicato il suo primo singolo dopo anni, “Lift Me Up” dalla colonna sonora di Black Panther: Wakanda Forever, che le è valso la nomination come miglior canzone originale ai Golden Globe del 2023 (dove ha rubato la scena anche se non ha portato a casa il trofeo) e agli Academy Awards del 2023 che si terranno il prossimo 12 Marzo.

Questa esibizione ha fatto capire ai tanti detrattori di Rihanna, che la sua stella è sempre accesa e non si è affievolita in questi anni di inattività.

Uno dei momenti più belli i fuochi d’artificio che hanno illuminato il cielo durante “Umbrella” e sono piovuti durante “Diamonds”.

Se non lo avete visto in diretta (in Italia erano le 3 del mattino), qui trovate il link, guardatelo perché ne vale la pena.

 

Scaletta e link per rivedere lo show

“Bitch Better Have My Money”

“Where Have You Been”

“Only Girl in the World”

“We Found Love”

“Rude Boy”

“Work”

“Wild Thoughts”

“Pour It Up”

“All Of The Lights”

“Run This Town”

“Umbrella”

“Diamonds”

Immagine by Jacob Kupferman/Getty Images

Recent Posts
Clear Filters

In anteprima esclusiva su 100Decibel, il video del nuovo singolo di Giuseppe Gazerro e la Resistenza Acustica

20 Maggio, sarebbe stato l’ottantesimo compleanno di Joe Cocker una delle voci più distintive e potenti del rock e del blues

Al Teatro Olimpico Roma lo spettacolo NoGravity Divina Commedia dall’Inferno al Paradiso dal 14 al 19 Maggio

Add Comment

Related Posts