Scroll Top
steve-hackett-al-pistoia-blues-2023

Steve Hackett al Pistoia Blues 2023

Nella seconda serata di questa edizione 2023 del Pistoia Blues è andato in scena un gradito ritorno, quello di Steve Hackett col suo Genesis Revisited – Foxtrot at Fifty + Hackett Highlights, spettacolo dedicato in particolare al cinquantenario del leggendario album Foxtrot del 1972 (il quarto in studio per la formazione d’oltremanica e secondo per il chitarrista londinese che si era unito alla band l’anno precedente in Nursery Crime).
A cinque anni di distanza dal fortunato concerto del 2018 l’ex Genesis è tornato a esibirsi sul palco di Piazza Duomo, accompagnato da suoi ormai storici compagni di musica, come Nad Sylvan alla voce,  Robert King alle tastiere,  Rob Townsend a fiati tastiere e percussioni, Jonas Reingold al basso, e Craig Blundell alle percussioni e cori).
La prima parte del concerto è stata incentrata sulla produzione solistica di Hackett, per poi far esplodere l’entusiamo del pubblico appena il suono del Mellotron ha iniziato a introdurre le magiche armonie di Watcher of the Skies, brano di apertura di Foxtrot  a cui è seguita l’esecuzione del resto dell’album (Time Table, Get ‘em out by friday, Can-utility and the coastliners e la suite Supper’s ready). A Firth of Fifth (forse il massimo capolavoro dei Genesis) è spettato il compito di aprire il generoso encore di tre brani col quale gli artisti hanno voluto salutare il pubblico ormai accorso sotto il palco a invocarli e ringraziarli per la serata che non poteva che essere magica … il prog non smette mai di emozionare.

Recent Posts
Clear Filters

L’opera musicale “La Divina Commedia” regia di Andrea Ortis in scena questi giorni al Teatro Brancaccio fino al 25 febbraio.

I Deerhoof tornano a suonare dalle nostre parti dopo oltre quindici anni, periodo in cui non solo la band californiana…

Nouvelle Vague, il progetto musicale che ha rivoluzionato il suono della musica francese, con un nuovo album

Add Comment

Related Posts