Scroll Top
piano-city-milano

Piano City Milano

VENERDÌ 19, SABATO 20 E DOMENICA 21 MAGGIO
TORNA
PIANO CITY MILANO

il festival riconosciuto tra i più prestigiosi

 

VENERDÌ 19 MAGGIO INAUGURAZIONE DEL FESTIVAL
nel parco della Galleria d’Arte Moderna

alle ore 21.00 WIM MERTENS
alle ore 22.30 “NOVECENTO: IL DUELLO”
con Alessandro Baricco e Stefano Bollani

Venerdì 19, sabato 20 e domenica 21 maggio torna PIANO CITY MILANO, il festival di pianoforte riconosciuto tra i più prestigiosi.

 

Promosso e realizzato da Associazione Piano City Milano insieme al Comune di Milano, con il Ministero del Turismo e il sostegno del Ministero della Cultura, Piano City Milano conta per la sua dodicesima edizione oltre 250 concerti in tutta la città di Milano e non solo, coinvolgendo più di 300 artisti che si esibiranno in 140 location, per vivere e condividere con il pubblico grandi emozioni attraverso le note del pianoforte.

 

Una manifestazione unica nel suo genere che, coinvolgendo istituzioni, associazioni, partner e cittadini, investe per una città sempre più attiva, grazie alla musica e ad un programma capillare sul territorio. Un progetto, a cura di Ponderosa Music&Art e hdemia, che vanta la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini.

 

«I cittadini aprono le porte delle proprie case e cortili all’insegna della condivisione della musica, i pianoforti risuonano nei parchi, nelle piazze, in luoghi segreti e spazi del sociale: con duecentocinquanta concerti, gratuiti e diffusi sul territorio, grandi nomi internazionali e giovani talenti d’eccezione, musiche nuove e progetti speciali, Milano si colora di miliardi di note e vive un festival unico al mondo», afferma la direzione artistica Ricciarda Belgiojoso.

 

Piano City Milano prende vita grazie a un’intensa collaborazione fra istituzioni pubbliche e imprese private che permette al festival di essere accessibile gratuitamente e presente in ogni zona della città. Un esempio di sinergia straordinaria che per questa edizione coinvolge il Comune di MilanoAssessorato alla Cultura e Corriere della Sera come main partner; Intesa Sanpaolo e Volvo in qualità di partner; Hermès per i talenti; FSC Fondo per lo Sviluppo e la Coesione e Ministero del Turismo, Ministero della Cultura quali partner istituzionali; l’Ippodromo Snai San Siro, Conad, Certosa District, Amplifon, logotel in qualità di supporter; St-Germain quale beverage partner; i partner tecnici Steinway & Sons, Griffa & Figli, Tagliabue, Passadori Pianoforti, Scorticati Pianoforti, Kawai, Schimmel Pianos, Tarantino Pianoforti, Serazio Pianoforti e il supporto tecnico AIARP.

 

Media partner dell’evento Radio Capital, ViviMilano, Sky Classica HD, Zero, Lampoon, Pianosolo, Club Milano, Mi-Tomorrow, Milano Today, Music Paper, Lucy. Sulla cultura. Con la collaborazione di YES MILANO.

A questi si aggiungono le collaborazioni con prestigiose istituzioni musicali come il Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano, la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado e i Civici Corsi di Jazz, il Conservatorio Gaetano Donizetti di Bergamo, l’Accademia Pianistica della Fondazione Accademia Internazionale di Imola Incontri con il Maestro, il Premio Venezia, Milano Musica.

Il festival viene realizzato anche grazie alla collaborazione di: Apple Music Classical, BiM, CCL, Eataly e Fondazione Prada.

 

Il programma degli eventi di Piano City Milano 2023 è online sul sito ufficiale della rassegna www.pianocitymilano.it.

Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e a ingresso libero fino a esaurimento posti, salvo diverse indicazioni sul programma.

INAUGURAZIONE

L’inaugurazione di Piano City Milano è prevista per venerdì 19 maggio nel parco della Galleria d’Arte Moderna.

 

Alle ore 21.00 Wim Mertens, compositore belga di fama internazionale, presenta per la prima volta in assoluto a Piano City Milano una selezione musicale dal suo ultimo album “Voice Of The Living. In questo nuovo progetto l’artista racconta il punto di vista di un uomo comune che affronta quotidianamente l’imprevisto, paragonando i quattro elementi della natura, terra, acqua, aria e fuoco, a elementi sonori differenti.

 

Sarà alle 22.30Novecento: Il Duello”, con Alessandro Baricco e Stefano Bollani, da un’idea di Alessandro Baricco, Stefano Bollani e Alessio Bertallot: “non sei finito, finché hai una buona storia da raccontare” e di buone storie Novecento, testo teatrale, poi diventato libro, poi film, continua a produrne. Per l’inaugurazione di Piano City Milano 2023 sarà un live: la sfida fra Jelly Roll Morton e Novecento interpretati al pianoforte da Stefano Bollani e raccontati da Alessandro Baricco.

 

GAM – MAIN STAGE

Il cuore di Piano City Milano batte a ritmo musicale nei giardini della GAM (Galleria d’Arte Moderna), che oltre al concerto inaugurale ospiterà nelle serate di sabato e domenica artisti di fama nazionale e internazionale.

Sabato 20 maggio alle ore 20.00 apre la serata Jin Ju, riconosciuta dalla critica internazionale per la perfezione tecnica e il suo virtuosismo, con Brahms e Liszt, seguita alle ore 21.00 da Koki Nakano, che insieme al danzatore Mourad Bouayad presenterà il suo “Oceanic Feeling”. Alle ore 22.00 sale sul palco Joep Beving con il suo ultimo album “Hermetism“, mentre conclude la serata alle ore 23.00 il concerto del cantautore e polistrumentista Jeremiah Fraites, co-fondatore della band indie rock The Lumineers, con “Piano Piano“.

Domenica 21 maggio alle ore 20.00 Michelle Candotti (semifinalista al Concorso Chopin di Varsavia) suona Chopin, seguita alle ore 21.00 dal grande jazzista Franco D’Andrea. Alle ore 22.00 il visionario improvvisatore sudafricano Nduduzo Makhathini, mentre la chiusura del festival sarà alle ore 23.00 con Venerus, poliedrico musicista che rivelerà la sua predilezione per il pianoforte.

GAM – PIANO GIARDINO e PIANO LAGHETTO

I giardini della Galleria D’Arte Moderna sono il cuore del festival anche durante il giorno: l’incantevole location vedrà i pianisti esibirsi in due diversi spazi, il laghetto e il giardino.

Sabato 20 maggio alle ore 10.30 apre i concerti sul palco del laghetto il Premio Hermès per i talenti 2022 Alessio Masi con composizioni selezionate di Giustini, Fanny Mendelssohn, Franck e Prokofiev. Alle ore 12.10 il Premio Venezia Vera Cecino con un programma incentrato su Beethoven, Chopin e Prokofiev, mentre alle ore 14.50 il concerto del Duo Ondine, composto da Juliette Aridon e Clementine Dubost e alle ore 16.30 le storie jazz di Gaetano Liguori. Domenica 21 maggio alle ore 10.30 è attesa la pianista classica Giulia Grassi che presenta, oltre a brani noti di Mozart e Schumann, sue composizioni. Pasquale Ruggiero suona alle ore 12.10 con i lavori di Mikhashoff su temi di Puccini, mentre alle ore 14.50 è la volta di Norberto Respighi, che esegue musiche del celebre parente Ottorino. L’ultimo concerto per Piano Laghetto è un pensiero per l’Ucraina, conle improvvisazioni libere della giovane jazzista proveniente da Kiev Kateryna Ziabliuk.

Sul palco del giardino, invece, sabato 20 maggio alle ore 11.20 suona il nome storico del pianoforte italiano nel mondo, Bruno Canino, seguito alle ore 13.00 dal pianista Milan Slijepčević. Alle ore 15.40 è il turno del primo classificato al Premio Venezia Nicolò Cafaro e, dopo di lui, alle ore 17.20, le Quattro Stagioni di Vivaldi rivisitate al pianoforte da Francesco Grillo.

Domenica 21 maggio alle ore 11.20 sale sul palco Alessandro Del Gobbo, seguito dal Premio Venezia Riccardo Martinelli alle ore 13.00. Accompagna la giornata, alle ore 15.40, il pianista Ugnius Pauliukonis per un concerto in collaborazione con l’Istituto Lituano e l’Ambasciata della Repubblica di Lituania in Italia e, alle ore 17.20 Alex Koo, uno dei jazzisti più acclamati della scena internazionale.

A partire dall’inaugurazione del 19 maggio fino alla serata di chiusura – per tutta la durata del festival – gli ospiti avranno l’opportunità di scoprire il tocco floreale tipico di St-Germain e gustare il perfetto St-Germain Hugonel corner bar allestito nei giardini della Galleria d’Arte Moderna.

 

HOUSE CONCERT E CORTILI

Dopo tre lunghi anni di assenza, Piano City Milano apre nuovamente le porte delle case dei milanesi, trasformando gli spazi domestici e i cortili privati in luoghi d’incontro e di performance musicali (a ingresso libero, previa prenotazione).

In questa occasione, la musica permea sempre più in profondità il tessuto della città, accompagnando con le note la quotidianità delle persone non solo negli spazi pubblici ma anche all’interno delle abitazioni, con l’intento di ascoltare talenti nazionali e internazionali ancora da scoprire in contesti intimi e conviviali. 26 appuntamenti proposti quest’anno, ognuno unico nel suo genere, come quello proposto da Bas Bulteel in cui la musica si fonde con l’arte visiva, il repertorio romantico del duo Silvia Lama e Vladislav Mantic Lugo, e ancora Irene Ninno, il nuovo progetto musicale “Around the lake of the Shining Princess” di Michele Fedrigotti, Alessandro Commellato che si misura con un fortepiano particolare e l’omaggio ad Achille Mauri con Roberto Cacciapaglia.

I Concerti in Cortile sono diffusi nei quartieri di tutta la città raccontando con le note del pianoforte storie delle vecchie e nuove generazioni. Una piena partecipazione degli artisti e del pubblico che diventano parte stessa del festival, da sempre innovatore culturale a sostegno della rigenerazione urbana.

In quattro cortili, in collaborazione con MMspa, quattro concerti d’eccezione: sabato 20 alle ore 11.30 Ettore Bove in via Cogne, con un programma pop dedicato alle donne e, alle ore 18.30, Danilo Remo Venturoli in Via Val Bavona con brani di Endrigo in chiave jazz. Domenica, invece, alle ore 16.30, Enrico Pesce in Via Cesana, con sue composizioni, e alle ore 19.00, Elena Chiavegato in Via San’Erlembalbo con un programma incentrato su Mendelssohn.

In collaborazione con Consorzio Cooperative Lavoratori, domenica 21 alle ore 10.30 Lorenzo Tosarelli porterà al CCL Argelati la tradizione musicale brasiliana. Al CCL Zoia alle ore 15.30 l’omaggio a Keith Emerson di Giuseppe Sarno (già collaboratore dei membri dei Dire Straits) e alle ore 17.30 la musica elettronica di Gian Marco Castro.

 

ALBA

Domenica 21 maggio all’alba, alle 05.00, Demian Dorelli sveglierà la città di Milano sulle note di “My Window” album raccolta dei suoi brani inediti, presentati in anteprima a PIano City Milano con un concerto unico e irripetibile in un contesto mozzafiato: il Piazzale del Cimitero Monumentale.

PIANO READING

Una importante novità di quest’anno sono i Piano Reading, in cui i grandi scrittori incontrano il pianoforte.

In collaborazione con LetMi, come già la serata inaugurale del festival, sabato alle ore 12.00 in Triennale Milano si terrà l’incontro tra Antonio Scurati e ben tre pianoforti, con le giovani brillanti Siwen Chen, MarinaMiani e Carla Sgoifo e musiche di Casella e Dallapiccola ad accompagnare letture della saga “M”. All’ADI Design Museum domenica 21 alle ore 12.00 si ripercorrono sentieri metropolitani con lo scrittore-architettoGianni Biondillo e le improvvisazioni del grande Enrico Intra. Alla Rotonda della Besana alle ore 19.00 letture di “Arancia Meccanica” con Marco Rossari, traduttore della nuova edizione italiana del romanzo per Einaudi, affiancata da musiche scelte di Beethoven con la magnifica Eliana Grasso.

Nella notte tra il sabato e la domenica, alle 23.30, da Eataly Smeraldo, va in scena il dialogo sulle ricette milanesi d’autore tra la giornalista e autrice Sara Porro e il giovane talento Ginevra Negri Costantini, che suonerà per l’occasione brani di Gioacchino Rossini, noto gourmet, ispirati all’arte culinaria.

PIANO LESSON

Anche quest’anno in programma una serie di Piano Lesson, incontri in cui i grandi maestri svelano al pianoforte i segreti del mestiere.

Alla Rotonda della Besana, Carlotta Ferrari racconta di come ha composto “Tarantoy”, il nuovo brano scritto appositamente per l’Orchestra di Toy Piano di Piano City Milano.

Alla Triennale Milano Teatro sabato alle ore 15.00 Jacopo Mazzonelli ed Eleonora Wegher presentano e suonano i loro “Unusual Pianos”.

Presso il Volvo Studio Milano sabato 20 alle ore 19.00 si esibisce Danilo Rea, uno dei pianisti jazz italiani più apprezzati al mondo, e domenica 21 alle ore 19.00 Stefano Lentini, compositore della colonna sonora di “Mare Fuori”, insieme a Gilda Buttà.

Al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci sabato 20 alle ore 18.30 Erik Bertsch conversa con Oreste Bossini in una lesson sull’opera pianistica di George Benjamin, in collaborazione con il 32° Festival Milano Musica Azioni Fuggitive. Alle ore 20.00 segue Luca Schieppati con un percorso su Liszt tra romanticismo e modernità. Domenica 21 invece, dalle ore 18.30 alle ore 21.00 “Tecnica pianistica e Scienza compositiva”, da Bach a Ravel, a cura dei professori del Conservatorio di Milano, al pianoforte gli allievi.

CITY CONCERT

Sotto al Cavallo di Leonardo all’Ippodromo Snai San Siro, in collaborazione con Snaitech, sabato 20 alle ore 11.30 suona il producer delle superstar americane Elijah Fox e alle ore 18.00 Rossano Baldini presenta le sue musiche originali tra pianoforte ed elettronica. Domenica 21 alle ore 11.00, sempre presso l’Area del Cavallo di Leonardo, è atteso il Duo Bonardi-Zullo con una proposta di musica classica. Alle ore 18.30, invece, presso la Tribuna Principale, si esibisce il giovane talento Antón Cortés con il suo flamenco rivoluzionario.

Attesi e suggestivi i concerti al Volvo Studio Milano: sabato 20 alle ore 15.00 Andor Sanderson con i suoi echi naturalistici, mentre domenica allo stesso orario si esibisce il Duo Miroirs con un programma di musica contemporanea che comprende trascrizioni originali a cura del duo.

Sabato 20 alle ore 18.00 presso BiM, progetto di rigenerazione urbana nel cuore di Bicocca, Remo Anzovino porta a Piano City Milano in prima esecuzione live l’album “Don’t forget to fly”. La performance si terrà nel BiM Garden.

All’interno del WeSpace al primo piano, logotel propone quattro concerti di diverso carattere: si parte domenica alle ore 11.30 con Elisa D’Auria con un programma incentrato su Chopin, per seguire alle ore 13.30 conClaudio Maviglia e il suo omaggio a Gino Paoli. Alle ore 15.30 si siede al pianoforte Carlo Morena con un programma dedicato a Burt Bacharach e chiude alle ore 17.30 la pianista Noa Fort con sue composizioni jazz.

Spazio a giovani talenti d’eccezione alla Vigna di Leonardo: domenica 21 maggio alle ore 12.00 si esibisce Vittorio Maggioli, vincitore della categoria Giovani Talenti del Premio del Conservatorio 2019, e alle ore 18.00 segue il pianista pluripremiato Nicolas Giacomelli. Entrambi i concerti, realizzati in collaborazione con Sky Classica HD e con l’Accademia Pianistica della Fondazione Accademia Internazionale di Imola Incontri con il Maestro, sono introdotti dalla musicologa Anna Quaranta.

I concerti realizzati in collaborazione con Certosa District hanno tra di loro un forte legame con la musica realizzata per il piccolo e per il grande schermo: sabato 20 alle 16.30 Jed Distler e Massimo Giuseppe Bianchicon una speciale versione per pianoforte a quattro mani della Quinta Sinfonia di Gustav Mahler, brano che ha un ruolo centrale nel film recentemente candidato agli Oscar, “Tár”. Alle 18.00, invece, Vince Pope, autore delle colonne sonore della pluripremiata serie inglese “Black Mirror”. Segue alle ore 19.15 il concerto di Maxence Cyrin, noto al grande pubblico per la sua cover di “Where Is My Mind?” dei Pixies usata in diverse serie tv tra cui “Mr. Robot” e “The Leftovers”. Chiude il ciclo Marcelo Cesena alle ore 20.30 con un personalissimo omaggio a Ennio Morricone.

La Rotonda della Besana offre sabato 20 alle ore 12.00 e alle ore 15.00 due performance con l’orchestra di Toy Piano di Piano City Milano in collaborazione con Ricordi Music School, con l’esecuzione in prima assoluta di “Tarantoy“, brano composto da Carlotta Ferrari appositamente per l’occasione. Domenica dalle ore 11.00, per tutto il giorno, la maratona “Rachmaninov’s Story” con i giovani talenti di Pianofriends e guida all’ascolto del Maestro Vincenzo Balzani.

In collaborazione con Hermès e l’Accademia Pianistica della Fondazione Accademia Internazionale di Imola Incontri con il Maestro, presso l’Orangerie del Museo Poldi Pezzoli sabato 20 alle ore 11.00 Greta Lobefaro e Sebastiano Mesaglio eseguono musiche di Schumann. Mentre nel pomeriggio, sempre in collaborazione con Hermès, suoneranno i Premi Venezia Gabriele Bagnati, alle ore 14.30, e Ruggiero Fiorella, alle ore 16.00.

Carlo Guaitoli, che a lungo collaboratore di Franco Battiato, fa un omaggio al Maestro sabato 20 alle ore 17.00 alla Triennale Milano, seguito dal concerto di Claudio Fabi alle ore 19.00.

Sabato 20 alle ore 18.30 Lucas Debargue porta in programma Scarlatti e Chopin all’Auditorium dell’headquarter globale di Amplifon in via Ripamonti (concerto realizzato in collaborazione con Amplifon).

Domenica 21 quattro proposte di musica contemporanea all’ADI Design Museum, uno dei musei più importanti d’Europa dedicati al design, alle ore 10.30 suoneranno Walter Prati e Ricciarda Belgiojoso con “Ligeti 100“, omaggio ai cento anni di Gyorgy Ligeti tra pianoforte ed elettronica, alle ore 14.30 la pianista e compositrice Motoko Honda con sue musiche, alle ore 16.30 Bruna di Virgilio con un altro programma che unisce pianoforte ed elettronica, e alle ore 19.00 Daniele Ledda con una sperimentazione di fusione tra analogico e digitale.

L’Ex Chiesa di San Carpoforo, grazie alla collaborazione con l’Accademia di Brera, apre le porte domenica 21 alle ore 10.00 a otto giovani pianisti guidati da Alfonso Alberti che eseguono l’integrale dei “Vingt Regards sur l’Enfant Jésus” di Olivier Messiaen, seguiti alle ore 14.00 dalle opere pianistiche di Tristan Murail eseguite dagli allievi di Mariagrazia Bellocchio della Call For Young Performers in collaborazione con Divertimento Ensemble.

Al Museo Bagatti Valsecchi i concerti a due pianoforti: domenica 21 alle ore 15.00 il Quartetto PianoPiano, con quattro pianiste e otto mani. Alle ore 16.30 il duo composto da Chiara Sarchini e Monica Dreossi con un omaggio a Rachmaninov e Schnittke, e alle ore 18.30 quello composto da Barbara Tolomelli e Alfredo Castellani con Debussy, Poulenc e Shostakovich.

COOPI, organizzazione milanese che dal 1965 opera per combattere la povertà in Italia, Africa, America Latina e Medio Oriente, collabora alla realizzazione del concerto di domenica 21 alle ore 18.00 presso il cortile di Cascina Boldinasco: ad esibirsi il Duo Palmas.

Al Piazzale Donne Partigiane, tre concerti in collaborazione con Conad e Barrio’s: sabato 20 alle ore 11.30 con Domenico Balducci e il suo programma incentrato sulla musica sudamericana, alle ore 15.30 conFrancesco Parrino e i brani pop più amati dal pubblico rivisitati al pianoforte e alle ore 17.30 con Alberto Tafuri e le versioni in piano solo dei brani più celebri delle Dive della musica leggera italiana.

Alla Corte di BiG, invece, Conad presenta altri tre concerti: domenica 21 alle ore 13.30 Giulia Malaspina con standard jazz personalmente rivisitati, alle ore 15.30 Fabrizio Grecchi presenta “Psychedelic Beatles” e alle ore 17.30 Luca Ciammarughi, con musiche di Berio, Schubert e proprie composizioni.

Al pubblico di BiG e Piazzale Donne Partigiane, Conad riserva il tradizionale cestino della merenda, dedicato ai quartieri e ai suoi cittadini. A tutti verranno donati buoni sconto del valore di 5 euro ogni 25 euro di spesa, cumulabili e spendibili entro il 31 luglio presso tutti i punti vendita associati alla rete commerciale Commercianti Indipendenti Associati Conad nel Comune di Milano. L’iniziativa fonda le sue basi sulla condivisione di valori tra Piano City Milano e Conad nei riguardi del sostegno delle comunità locali.

La Scuola Civica di Musica C. Abbado presenta al pubblico di Piano City Milano i suoi giovani talenti sabato 20 all’Auditorium Lattuada e domenica 21 all’Auditorium di Villa Simonetta, oltre al programma “Piani inclinati – un dialogo tra classica e jazz” dalle ore 17.00 alle ore 19.00 al Famedio del Cimitero Monumentale, mentre in collaborazione con i Civici Corsi di Jazz della Scuola Civica di Musica C. Abbado si presenta il programma jazz “Four for four” domenica 21 alle ore 15.00 all’Auditorium Lattuada.

Sempre grazie alla collaborazione con la Civica Scuola di Musica C. Abbado torna per Piano City Milano 2023 il Premio Renato Sellani a sostegno dei giovani pianisti.

Per chi ama le maratone musicali, il Conservatorio di Musica G. Verdi di Milano ne propone una dalla durata di cinque ore, sabato 20 dalle ore 19.00 alle ore 24.00, con i migliori allievi, dal titolo “Notturni e serenate, tramonti e pleniluni”, antologia musicale sul tema della notte.

Sabato 20 dalle ore 10.30 il Conservatorio G. Donizetti di Bergamo propone alla Biblioteca Sormani la maratona della durata di circa tre ore “Vienna dal Settecento a oggi“.

Sul palco di Eataly Smeraldo sabato 20 alle ore 11.00 suona Federico Squassabia presentando le sue composizioni, mentre alle ore 17.00 è il turno di Daniele Longo tra musiche originali e jazz.

Domenica a mare culturale urbano è possibile ascoltare musica classica con Luigi Palombi alle ore 18.00 e con Michael Berardi alle ore 19.30. A mare culturale urbano food hub redo merezzate, invece, sempre domenica 21, Rosita Piritore alle ore 10.00 e Luis Di Gennaro alle ore 11.30 propongono due percorsi musicali incentrati sulla canzone d’autore e sulla musica pop.

Domenica alle ore 11.30 presso Fondazione Prada, in occasione dei cent’anni dalla nascita di Simeon Ten Holt, Chigiana Keyboard Ensemble esegue “Canto Ostinato“, il brano più celebre del compositore olandese.

Da mosso arriva il Piano Breakfast: previsto dalle ore 09.00 alle ore 10.00, la pianista Alexandra Pavlova accompagna il risveglio con le note al pianoforte, un relax fisico e mentale di fronte a una calda colazione.

I pianoforti di Piano City Milano trovano ospitalità anche all’Hilton Milan di via Galvani sabato 20 alle ore 19.00 con Alessandro Sgobbio che presenta un’anteprima del suo nuovo album “Piano Music 2”, mentre alle ore 12.00 di domenica Vincenzo Caruso propone “Chansons Sous Les Doigts” programma di musica francese in cui interventi di un’attrice si alternano all’esecuzione dei brani. Al Senato Hotel Milano il Premio Speciale Alkan 2022 Sofia Donato suona sabato 20 alle ore 18.00, concerto in collaborazione con nòva generazione creativa, e alle ore 20.00 si esibisce Yazan Greselin con il programma “Dal Tardo Romanticismo ai giorni nostri“. Sempre sabato 20 alle ore 16.30, Sheraton Milan San Siro propone il concerto di Dario Lutrino con musiche di Burt Bacharach, mentre presso Sheraton Diana Majestic risuonano le composizioni originali di Paolo Di Sabatino. The Westin Palace Milan, invece, dà spazio ad Antonio Davì con “Io e la musica“.

Nico Morelli, tra i migliori jazzmen della sua generazione, suona sabato 20 alle ore 15.30 al Bodio Center, mentre la Casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci propone musiche originali con il concerto di Gianluca DiIenno. Sempre sabato 20, alle ore 18.00, presso Ex Macello, andranno in scena i concerti di Thomas Umbaca con le sue composizioni originali, e di Bartek Wąsik che interpreta i Radiohead alle ore 19.30, concerto in collaborazione con il Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Milano.

Al festival anche Vinicio Capossela, vecchio amico di Piano City. La sua performance “Piano Bagnato” del 2012 e lo straordinario concerto “Voiceless” del 2018 sono ancora nei nostri cuori.  Domenica 21 maggio alle ore 18.00 parlerà del suo nuovo disco “Tredici canzoni urgenti” insieme a un ospite a sorpresa all’Ex Macello di Viale Molise in un evento in collaborazione con La Feltrinelli chiamato “Con i tasti che ci abbiamo”, dal nome della canzone che chiude l’album e che, grazie alla generosità di Vinicio Capossela, diventa la canzone sigla ufficiale di Piano City Milano 2023.

Domenica 21 alle ore 10.30, in Piazza Sacchini, in collaborazione con l’Istituto comprensivo “Q. Di Vona T. Speri” e il Comitato Verde Porpora, Luca Bombardi propone le colonne sonore dei lungometraggi che hanno fatto la storia del cinema. Alle ore 16.00 Francesco Taskayali è al The Medelan per un concerto in collaborazione con lo Studio legale K&L Gates, mentre alle ore 17.00 Angelo di Leonforte suona alla FondazionePasquale Battista.

KIDS

Venerdì 19 pomeriggio si svolgono i progetti speciali dedicati ai più piccoli realizzati in quattro Scuole dell’Infanzia, in collaborazione con l’Associazione Diamo il La, con i maestri Anna Pedrazzini e Mell Morcone.

Sabato alle ore 16.00 e alle ore 17.00 alla Rotonda della Besana tutti i bambini, principianti e non, dai 5 ai 10 anni, possono partecipare ai laboratori di improvvisazioni e orchestra, realizzati con i docenti della Ricordi Music School.

GUEST

Il programma si arricchisce con numerose proposte spontanee delle diverse Associazioni che popolano il territorio: dai concerti presso l’Ospedale San Paolo al Bamborin in collaborazione con Handicap…su la testa!, da CETEC Spazio Alda Merini al centro di ricerca musicale AGON, e tanti altri ancora.

Piano City Milano va anche oltre i confini della città portando la musica in tutta la Lombardia, da Lodi a Pieve Emanuele, con i concerti presso Humanitas University.

SPECIALE ANTEPRIMA

Mercoledì 17 maggio alle ore 21.00 al Castello Sforzesco MIKA, artista di fama mondiale con oltre 10 milioni di album venduti, regalerà al pubblico una performance esclusiva studiata e realizzata solo per il palcoscenico del festival.

Mika, immerso nella magica atmosfera del Castello Sforzesco, accompagnato dal suo pianoforte, amico fedele e scatola magica di un’esplosione di colori, idee e follie è pronto a stupire gli spettatori con una performance strabiliante, esclusiva, studiata e realizzata appositamente per il palcoscenico di Piano City Milano.

ANTEPRIMA e SOUNDSCAPE (Sound of Liberty)

Giovedì 18 maggio, all’Anfiteatro del Liberty, Frida Bollani Magoni e Paolo Jannacci si esibiscono in un’anteprima del festival presentata da Apple Music Classical, la nuovissima app progettata per offrire, a chi ama la musica classica, la migliore esperienza di ascolto al mondo. Nella performance preview del 18 maggio, i due artisti sono pronti a incantarci esibendosi a due e quattro mani.

Apple Music Classical diffonderà la playlist ufficiale di Piano City Milano 2023 con i protagonisti della rassegna. Inoltre, per celebrare la musica classica, e in anticipazione del weekend di Piano City Milano, Apple Piazza Liberty offrirà, durante la settimana, diverse attività pensate per avvicinare il pubblico alla musica classica, ai suoi compositori e ai suoi interpreti.

L’Anfiteatro del Liberty, da giovedì 18 maggio fino a domenica 21 maggio (dalle ore 10.00 alle ore 20.00), ospita inoltre la suggestiva installazione sonora “Sound of Liberty” di Demian Dorelli e Alberto Fabris, un viaggio di libertà fra gli elementi – foresta, acqua, vento e spazio. L’installazione è accessibile gratuitamente, permettendo a chi passa di immergersi nell’esperienza uditiva di questo paesaggio sonoro.

Piano City Milano nasce nel 2011 come primo festival diffuso della città e contribuisce all’onda di vitalità e alle sperimentazioni urbane e culturali che portano Milano a diventare la vibrante metropoli europea che è oggi. Fondatori del festival e dell’Associazione Daniela Cattaneo Diaz e Titti Santini, che hanno sempre creduto nel progetto e costruito una rete di partner sostenitori che negli anni hanno investito in Piano City Milano,nell’immaginare una diversa visione di Milano.

Recent Posts
Clear Filters

I P.d.C. con il nuovo singolo “Due maree” ci invitano a riflettere sulla nostra realtà e sulla direzione che sta prendendo la società.

“Ballerine splatter” il nuovo singolo dei Cannibali Commestibili fuori l’8 Dicembre, in anteprima per noi il videoclip.

Frank Zappa è stato un musicista, compositore e bandleader americano, conosciuto per il suo approccio eclettico e innovativo alla musica.

Add Comment

Related Posts