di Fabio Arboit

Prima delle tre date per i Negramaro ieri sera all’Auditorium Parco Della Musica di Roma.
Tre date completamente Sold-Out che hanno regalato grandi emozioni ai fan della band salentina chè è stata accolta da una grande ovazione e da cartelli con la scritta “Vorrei Potesse Non Finire Mai”.
L’apertura del concerto è stata affidata a “Contatto”, inizio canzone dietro ad un tendone nero che poi ad un certo punto è svanito per dare spazio ad una scenografia fatta di tubi a led luminosi che riempivano la scena.
Giuliano seduto al centro del palco con la chitarra, alla sua destra Ermanno Carlà e alla sinistra (applauditissimo) Lele Spedicato, emozionante l’abbraccio tra i due a sancire la “rinascita” dopo i problemi di salute che lo avevano afflitto quattro anni fa.
L’attesa come ha detto lo stesso Giuliano è stata lunga, ma il piacere di rivedersi è stato grandissimo.
Alle loro spalle rialzati, c’erano Andrea De Rocco, Andrea Mariano e Danilo Tasco.
Hanno messo insieme su quel palco 23 anni di storia, canzoni che sono entrate di diritto tra i classici della canzone italiana come “Estate”, “Solo Per Te”, Solo 3 Min”, “Parlami D’amore” e “Un Passo Indietro” per due ore di concerto.
Il pubblico che ha seguito parola per parola ogni canzone cantandola, alla fine è esploso sotto al palco per salutare la band che torna ad esibirsi oggi e domani per poi ripartire da Roma per Londra dove sbarcherà il 21 Novembre, a seguire  l“Unplugged European Tour 2022” farà tappa ad Amsterdam, Parigi, Bruxelles, francoforte, Monaco, Lugano Zurigo, Luxenburg e Barcellona.

Scaletta:

  • Contatto
  • La cura del tempo
  • Fino all’imbrunire
  • La prima volta
  • Per uno come me
  • Meraviglioso
  • Ti è mai successo
  • Nuvole e lenzuola
  • Estate
  • Un passo indietro
  • Solo 3 min
  • Sei
  • Cade la pioggia
  • Quel posto che non c’è
  • Amore che torni
  • Via le mani dagli occhi
  • Solo per te
  • Mentre tutto scorre

Comments

comments