Tanto freddo fuori ma una sala Sinopoli all’Auditorium Parco della Musica ben calda per accogliere Tony Hadley, che appena entrato sul palco ha subito chiesto scherzando “ma dov’è l’albero di Natale che avevo chiesto???”. Perchè giustamente lui è li per promuovere il suo disco con le canzoni di Natale ma sa anche bene che in sala ci sono le sue fan, quelle inossidabili degli Spandau Ballet, e quindi il repertorio dovrà essere più ampio per far sentire davvero a tutti la magia in ogni metro quadro. Il primo brano in scaletta è stato però Life On Mars, e se le prime note hanno ricordato a tutti il vuoto incolmabile lasciato da David Bowie, la voce di Tony Hadley è stata comunque una vera medicina contro le tristezza. Una voce magnifica, inutile quasi dirlo, che il cantante britannico indossa con grande classe da sempre.

Comments

comments