Foto e report di Yuri Fronteddu

Il meglio dell’underground rock e pop suona il 31 gennaio 2015 al Contestaccio, in occasione del Rockenrolla Live Fest. Protagonista della serata è la Puglia, mandando sul palco tre gruppi assai originali e pieni di talento.

Strepitoso open act dei Paper Walls, formazione pop rock di Manfredonia (FG) attiva dal 2010. Con ottime competenze e invidiabile sicurezza di loro, la giovane band allieta il pubblico con loro brani originali, come “Violento violentare”, “False realtà” o “Fantasma del passato”, presto in uscita sul loro futuro EP, e cover rimodellate “alla loro maniera”, come “Losing my Religion” (R.E.M.) o Come tu mi vuoi (Irene Grandi), segnando alla fine un orecchiabile live senza peli sulla lingua.

  • Sonia Belvedere : voce
  • Nicola Renigaldo : chitarra
  • Antonio Di Lauro : basso
  • Giuseppe Zerulo : batteria

A seguire, si torna nella “Città Eterna” con l’ascesa al palco dei rockettari romani, Zerodiva. Anch’essi originari della Puglia, nascono nel 2009, compiendo un viaggio musicale che li porterà nel 2012 a compiere la creazione del loro debut album, ‘Creatività e Schizofrenia’. La loro passione per il progressive metal e l’avant-garde interviene spesso nel loro alternative pop rock, affine a quello dei loro fratelli maggiori, Vibrazioni. Pezzi calmi, come “Chiuso in casa” o “Follogica”, si alternano ad altri carichi di adrenalina, come “Loggia nera” o “Mai dire mai”, coinvolgendo gran parte dei presenti sotto palco.

  • Aleks Ferrara : voce
  • Valerio Bull Bulzoni : chitarra/cori
  • Mark Madhoney : batteria, programming percussioni elettriche

Chiusura del Rockenrolla con i salentini Moods, electro-rock band nata intorno al 2010. Armato di preziosi singoli, come “Sunlight”, “Take my Love” e “Pump Rock” – presto presenti nel loro quasi pronto disco di debutto – e una cover rivisitata in chiave electro-reggae di una evergreen del leggendario Bob Marley, quale “So Much Trouble in the World”, il gruppo scatena quanta più adrenalina possibile per ottenere la miglior risposta dal pubblico, cara ai membri che ne fanno parte. La selezione dei loro brani non è nient altro che un compendio di musica elettronica e pop rock, mescolati assieme in modo molto singolare e ben realizzato. Il risultato finale garantisce un “happy ending” per il Rockenrolla, che anche in quest’occasione ha saputo coinvolgere il meglio dell’underground “alternative” italiano.

  • Stefano Scuro : voce/chitarra
  • Errico Carcagni : tastiera, synth/cori
  • Dario Ancona : basso
  • Antonio De Marianis Dema : batteria, cassa elettronica/cori

 

Comments

comments