robbie-williams

Era il lontano 1990 quando una boy band inglese impazza per il mondo, mandando in estasi milioni di ragazze. Tra di loro, un componente è destinato a diventare una star. Cinque anni dopo, quello stesso ragazzo decide di abbandonare il gruppo e iniziare una prolifera e fortunata carriera solista. E ieri sera, 7 Luglio 2015, quindicimila fan ancora ad egli devoti sono accorsi, sfidando caldo, file e file in auto, ai cancelli e pure per il cibo, all’Ippodromo di Roma. Quando però alle 21.43 parte l’intro di O Fortuna, la stanchezza della giornata scivola via e al suo posto subentra solo l’eccitazione per il concerto che sta per avere inizio. Poco prima dell’inizio dell’intro, sullo schermo posto al centro del palco sono apparse alcune frasi: innanzitutto, un saluto e poi la fatidica domanda… Ci siamo? Siamo con lui in questa calda serata? Si, ci siamo e siamo tutti per lui: Robbie Williams! Che porta sul palco del Rock In Roma il suo Let Me Entertain You Tour, con la cui omonima canzone inizia uno spettacolo destinato a restare indelebile. Per due fan lo sarà di certo. Monica e Morena hanno avuto la fortuna di un incontro ravvicinato con il bel Robbie: la prima è stata baciata a stampo e le è stata dedicata She’s The One, invece con Morena ci si è spinti di più, direttamente a letto per una simpatica interpretazione di Candy. Ammettiamolo: tutte avremmo voluto essere una delle due fortunate che durante le sue numerose scese al pubblico hanno avuto modo di toccarlo, abbracciarlo e baciarlo.

Un’ora e mezza vissuta tutto d’un fiato, senza interruzione (eccezion fatta per un rapidissimo cambio look… e via al kilt, tanto per darci la possibilità di veder meglio il suo fondoschiena, di cui abbiamo già potuto posare gli occhi sul primo brano) in cui sono stati rivissuti i primi singoli della sua nuova carriera, si è fatta una simpatica riflessione su quei lontani anni ’90 e ai tanto cari Take That, alla ciccia messe su e poi persa, poi rimessa su… ma che importante ha?! Ormai è milionario lui! Non sono mancati gli affezionati cori “Italia Campioni del Mondo” che con il suo accento inglese non avremmo mai smesso di ascoltarlo. Deve aver percepito questo pensiero nella mente di quanlcuno perchè ogni occasione era buona per ripartire col coro dei mondiali. Non sono mancate neanche solenni celebrazioni e i Queen e U2 l’hann fatto da padrone, con un’interpretazione di Bohemian Rapshody che rapisce ed esalta: sullo schermo parte il videoclip originale e nell’aria si respira il rammarico di non poter mai godere di un loro show. Ma stasera siamo qui per celebrare un altro artista che con la sua simpatia e savoir faire, ha saputo mantenere il palco in modo impeccabile.

Feel ed Angels non portano buone nuove: il concerto si sta avvicinando alla conclusione che imminente arriva sulla note di una commovente My Way. Girato il gobbo, per dare anche a noi la possibilità di cantare con lui, ci salutiamo così, sulle note di una canzone che in sé racchiude tutta l’essenza della serata.

Set List

O Fortuna
Let Me Entertain You
Rock DJ
Monsoon
Come Undone / Still Haven’t Found What I’m Looking For (U2 cover)
The Road To Mandalay
Minnie The Moocher (Cab Calloway and His Orchestra cover)
Ignition (R. Kelly cover)
She’s The One
Supreme
We Will Rock You (Queen cover) / I Love Rock ‘n’ Roll (Joan Jett & The Blackhearts cover)
Candy
Royals / Millenium
Whole Lotta Love (Led Zeppelin cover) / Kids
Bohemian Rapshody (Queen cover)
Feel
Angels
My Way (Frank Sinatra cover)

Comments

comments