Dopo i posticipi, i permessi concessi e poi negati, l’annullamento dei primi due concerti e le immancabili polemiche sui social, la manifestazione estiva Villa Ada – Roma Incontra il Mondo finalmente riapre e inaugura la stagione con un colosso musicale italiano: James Senese & Napoli Centrale.

Il concerto di venerdì 26 giugno è stato, quindi, il primo dell’edizione 2015 e sicuramente non poteva essere di migliore auspicio iniziare con un artista che cavalca la scena da oltre 40 anni e che ha saputo rivoluzionare e arricchire la canzone napoletana e la musica italiana.

Il numeroso pubblico, in attesa dello storico gruppo, è stato “riscaldato” dall’esibizione di Maldestro, giovane cantautore napoletano, rivelazione del 2013, che è stato all’altezza delle aspettative. Una session a sua disposizione, in cui ha potuto far ascoltare il suo “Non Trovo le Parole”, un album ben costruito e pensato, composto da poesie in musica, e, all’interno del quale, troviamo come ospite Peppe Barra, altro importante artista della world music italiana. Maldestro ha concluso l’esibizione con il pluripremiato “Sopra al tetto del comune”, che, come ha ricordato, “è stato il pezzo grazie al quale sono qui, ad aprire il concerto di un elemento fondamentale della storia musicale italiana.”

Subito dopo Maldestro, il pubblico si è alzato in piedi e si è spostato sotto il palco per invocare a gran voce l’ingresso di James Senese & Napoli Centrale. Il maestro e i suoi musicisti non hanno deluso i fan e hanno regalato una perfomance di altissimo livello, in cui sono stati suonati pezzi appartenenti alla storia del gruppo, e che hanno fatto la storia della world music italiana. Non sono mancati i momenti dedicati a ricordare altri grandi musicisti come Pino Daniele e Lucio Dalla. Per quest’ultimo James ha cantato “Maria Maddalena”, bellissima canzone composta per Lucio, censurata a causa del contenuto blasfemo del testo.

Il sound di James Senese si è rivelato sempre più ricco e coinvolgente. Lo studio approfondito dello strumento e della musica, la ricerca e le contaminazioni tra canzone tradizionale napoletana, Jazz e rock sono ancora attuali e continuano a rendere questo gruppo una pietra miliare del nostro panorama musicale.

Non vi è innovazione senza conoscenza della tradizione e studio approfondito. È questo quello che James Senese ci insegna e che ha ribadito sul palco di Villa Ada – Roma Incontra il Mondo.

Comments

comments