Alzi la mano chi il 16 Novembre scorso era a Stazione Birra per il live dei Marlene Kuntz? Davvero numerosi!
Di quella sera ne abbiamo parlato tanto, sia nel live report che in seguito con l’intervista fatta a Cristiano Godano. Ma vi ricordate quel trio di ragazzi adrenalinici che ha aperto la serata? Beh, noi ce li ricordiamo bene. Li abbiamo talmente apprezzati, tanto da ricercarli e scambiare due chiacchiere con loro.

Siete pronti a conoscerli anche voi? Vi presentiamo gli FSH!

Ciao ragazzi e ben venuti tra i pixel di 100Decibel.
Grazie a voi ed un saluto a tutti gli amici lettori di 100Decibel dagli FSH.

La prima domanda è per farvi conoscere ai nostri lettori, anche se dopo la serata del 16 Novembre in molti hanno avuto modo di apprezzarvi: chi sono gli FSH?
FSH sono 3 ragazzi romani a cui piace suonare del buon Rock’n’Roll a modo loro. Francesco Galioto, chitarra e voce; Riccardo Di Fiandra, basso; e Simone Pisani, batteria.  Siamo “semplicemente” la somma e l’unione di noi stessi, delle nostre influenze musicali, della nostra passione.

E fuori dal palco?
Siamo tre ragazzi semplicissimi, tre amici, lavoriamo e studiamo, in settori completamente diversi. Francesco studia per diventare Ingegnere, Simone già lavora come Web Designer e Riccardo studia Jazz al conservatorio di Frosinone.

FSH sta per…?
Allora, possiamo dire semplicemente che FSH sta per “ormone follicolo stimolante”, quindi è un ormone……preferiamo non addentrarci in ulteriori spiegazioni..

Chi si occupa dellarrangiamento testo?
Principalmente Francesco Galioto è l’autore dei testi. In alcuni casi vengono scritti o a quattro mani da Francesco insieme a Carlo Acreman, o in alcuni casi solamente da Carlo che è un nostro amico e collaboratore sin dal principio di questa avventura.

E per quanto riguarda la musica?
Insieme ai testi solitamente Francesco porta anche un arrangiamento iniziale che poi viene sviluppato, migliorato e perfezionato da tutti e tre, ognuno con il proprio strumento. Ogni suono poi confluisce nella stesura finale del pezzo.

La vostra musica spazia nellarea rock degli anni 70-‘80. Il vostro sound da chi è stato influenzato maggiormente?
La cosa che troviamo bella e particolare allo stesso tempo è che la nostra musica è l‟unione delle nostre idee, influenze, stimoli e passioni musicali. Basta pensare che ognuno di noi ascolta musica completamente diversa. Simone ama la musica elettronica e il punk rock, Riccardo ovviamente il jazz ed il rock ‘n roll anni ’60/’70, Francesco il rock’n’roll anni ’70/’80, il blues ed il cantautorato italiano. Un autore che però ci accomuna e che vorremmo ricordare è : Ivan Graziani; inoltre ci teniamo a dire che proprio in suo onore ogni anno c‟è un Festival di nome PIGRO a cui noi abbiamo partecipato e vinto la targa di “miglior composizione” con il brano Ivan, a lui dedicato.

Il 16 Novembre a Stazione Birra avete aperto il concerto dei Marlene Kuntz. Innanzitutto come lo avete saputo?
La prima parola che ci viene in mente per rispondere a questa domanda è : PAZZESCO!! La notizia in via ancora del tutto ufficiosa ci è stata data in agosto, con una telefonata che ha ricevuto Francesco, che in quel momento si trovava ad una festa: c’era confusione… molta! Francesco è dovuto uscire per capire meglio quello che il direttore artistico di Stazione Birra, Augusto (che salutiamo e ringraziamo) gli stesse dicendo : “Siete stati scelti per aprire il concerto dei Marlene, ci piacete, ci state bene prima, ve la sentite?” La risposta già la sapete..

Ora che avete metabolizzato la “faccenda” (ci siete riusciti, vero?), che cosa avete provato e come vi siate preparando?
Diciamo che abbiamo metabolizzato, ma ancora non del tutto. È stata davvero un‟esperienza unica sia dal punto professionale che umano, infatti ci teniamo ancora a ringraziare i Marlene Kuntz che ci hanno dato questa opportunità e lo staff di stazione birra. È stata una serata soldout, suonare davanti a così tanta gente, nella tua città, è elettrizzante e ci ha stimolato a fare bene, a dare il meglio di noi stessi, cosa che comunque cerchiamo di fare ad ogni nostro live.

Sulla vostra pagina facebook (https://www.facebook.com/FSHOfficial) ci avete dato unanticipazione dei brani che effettivamente avete esuito durante il live. Qual è il brano che assolutamente non può mancare?
Non ce n’é uno in particolare, ce ne sono alcuni che dobbiamo fare sia per i nostri fans sia per il piacere di suonarli e per trasmettere le nostre emozioni a chi ci ascolta mentre li eseguiamo, come ad esempio : La Strada, Il Tunnel, Allegra Mente o quelli che ci hanno permesso di partecipare a contest importanti come SANREMO giovani e 1MFestival ( il festival per band emergenti del Primo Maggio) come, rispettivamente, Dal Tempo E Dai Sogni e Piano Piano Affiora.

C’è un brano o una parola che meglio può descrivervi sia individualmente che come gruppo?
Questa è difficile..!! Dai, ci proviamo con un nostro brano La Strada dove nel ritornello cantiamo così : “pensare che tutto sia sempre possibile, vivibile/Non mettere mai davanti sempre un limite, alla realtà../Adesso è il mio momento e poi domani chissà..”

Dateci almeno un buon motivo per continuare a seguire..
Perché all‟interno della nostra musica, dei nostri brani ci sono i nostri sentimenti e le nostre emozioni, quello in cui crediamo e quello che odiamo, quello che ci piace raccontare e quello che invece preferiamo tenere per noi, quello che desideriamo vedere e quello che invece detestiamo, i nostri sorrisi, le nostre vittorie e le pagine più dolorose, e con un ascolto attento o magari con qualche ascolto in più potreste scoprire ancora molte cose..

Ragazzi vi ringrazio per il tempo che ci avete dedicato e vi lascio lultima parola per i nostri e vostri amici lettori
Siamo noi che dobbiamo ringraziare voi, grazie ragazzi per questa bella opportunità ed un grazie a tutti coloro che vorranno condividere queste poche righe che parlano di noi. Vi invitiamo ad ascoltarci e seguire le nostre news su prossimi live e prossime iniziative, che potrete trovare sui i nostri social :

Facebook: https://www.facebook.com/FSHOfficial

Youtube: http://www.youtube.com/SimFSH

Twitter: https://twitter.com/FSHRoma

Un abbraccio FSH

Comments

comments