2 agosto 2013 – Valicare gli Appennini ed arrivare a Pescara mentre  il sole si avvia verso il tramonto alle spalle, e sul lungomare un viavai di gente in bici probabilmente torna a casa dopo una giornata di mare; tra cartelloni pubblicitari di concerti, uno dopo l’altro si susseguono gli stabilimenti balneari, e dal finestrino spunta l’Adriatico, quasi immobile; Cercare e trovare il Parco Le Naiadi, nascosto dagli alberi, che suona delle ultime note del soundcheck: vedere finalmente il palco dove Niccolò Fabi e la sua band si esibiranno dì lì a poco, alle spalle della piscina del centro sportivo, gli strumenti già sistemati sul palco. Il cantautore sarà ospite di Onde Sonore Festival, che, giunto alla sua settima edizione dopo il successo dell’appuntamento invernale con Vinicio Capossela al Porto Turistico a dicembre, torna nuovamente a Pescara con una serie di appuntamenti al Parco Le Naiadi sul lungomare. Si scorge da lontano,  Niccolò, con la sua band, gli inseparabili Roberto Angelini, Gabriele Lazzarotti, Fabio Rondanini, Pier Cortese e Daniele “Mr Coffee” Rossi, una band piena di talento e in perfetta armonia con il protagonista. Come non concedersi un rapido saluto dopo tanto tempo, e via, trovarsi immersi nell’atmosfera che si sta creando, con la gente che inizia ad affollarsi dietro le transenne.

Il pubblico di Fabi, che non lo ha mai abbandonato, lo segue ovunque lui si esibisca, chilometri e chilometri in giro per l’Italia pieni di passione per il cantautore romano, che lo ricambia sempre con grande affetto; é questo uno dei segreti che rendono ogni concerto unico ed imperdibile, una piena sintonia, un susseguirsi e uno scambio di emozioni tra Niccolò e i suoi fans. Fabi é famoso fin dal 1997 grazie ad uno dei successi dedicato proprio alla sua folta capigliatura (Capelli, che ironicamente Niccolò definisce: “La grande risposta italiana al musical Hair”) brano che lo ha portato a calcare le scene del Festival di Sanremo.

Era il 1996”, ricorda con un sorriso il cantautore romano durante il concerto, “quando venni per la prima volta a suonare a Pescara, prima dell’uscita del mio primo album; era una delle prime volte in cui mi accorsi di avere instaurato un rapporto al di fuori del Grande Raccordo Anulare; sono passati tutti questi anni e sono ancora qui, con tutte queste persone ad ascoltarmi, grazie”, e nel sottofondo delle ultime parole iniziano le note di Costruire.

Un mix molto ben riuscito di vecchi successi e di brani contenuti nell’ultimo album, Ecco, uscito il 9 ottobre 2012, forse uno dei suoi album più intimi e più personali, che ha visto sin dall’inizio un grande successo di pubblico e di critica: arrivano gli ultimi singoli usciti in ordine di tempo (Una Buona Idea, Lontano da me e Indipendente), poi le note di una delle canzoni più belle, che racchiudono più emozioni delle altre: “una canzone”, come raccontato dal cantautore romano, “nata lontano, in Africa, grazie ai Medici con l’Africa del CUAMM”, con cui Niccoló collabora attraverso il suo progetto Parole di Lulù: “una strada di terra che inizia ai confini del niente e il mio tutto che ancora si ostina a cercare una via” [Sedici Modi di Dire Verde].

Un’incredibile carica si diffonde dal palco, un’atmosfera, un’energia che immediatamente contagiano il pubblico: tutti all’unisono iniziano a cantare ed a saltare insieme al cantautore ed alla sua band, ad inneggiare il suo nome, anche prendendo in prestito titoli di canzoni di altri cantanti (Grazie di Esistere di Eros Ramazzotti), fino ad arrivare ai bis: “Non so se quella che stiamo per suonare è la più bella”, dice Niccolò al suo ritorno sul palco, “ma per me è la più significativa”, forse il momento più suggestivo del concerto, con le melodie di Attesa e Inaspettata che donano al finale un tocco di magia all’atmosfera già piena di emozioni.

In apertura del concerto due band: prima il progetto in trio del cantautore pescarese Andrea Piermattei e successivamente il cantautore torinese Bianco, che con chitarra e voce ha presentato il suo ultimo lavoro “Storia del futuro.

Hanno suonato:

Niccolò Fabi

Roberto Angelini

Gabriele Lazzarotti

Fabio Rondanini

Pier Cortese

Daniele Rossi

Abbiamo ascoltato:

La Promessa

Io

Nel Centro

E’ Non E’

Le Cose Che Non Abbiamo Detto

Solo un Uomo

Elementare

Sedici Modi di Dire Verde

I Cerchi di Gesso

Oriente

Vento d’Estate

Costruire

Una Buona Idea

Ecco

Flume (Bon Iver)

Lontano da Me

Offeso

Lasciarsi un Giorno a Roma

BIS:

Attesa e Inaspettata

Indipendente

Il negozio di Antiquariato

Ringraziamo il Parco Le Naiadi di Pescara, Onde Sonore Festival e Vivo Concerti per l’accoglienza e la disponibilità.

Per saperne di più:

Niccolò Fabi:

Sito web: http://www.niccolofabi.it/web/

Facebook: https://www.facebook.com/niccolofabimusic

Youtube: http://www.youtube.com/niccolofabimusic 

Vivo Concerti:

http://www.vivoconcerti.com/

Onde Sonore Festival:

http://www.ondesonorefestival.it/

Comments

comments