Report a cura di Angela La Terra.

Tre concerti in pochi mesi e un Palalottomatica colmo di fan in delirio: Max Pezzali c’è riuscito, riunendo sotto lo stesso tetto quindicenni di ieri e di oggi.

Puntualissimo, ma un pò sciupato, penalizzato da un’acustica non brillante, Pezzali ha scaldato il suo pubblico per oltre due ore. Una carrellata dei più grandi successi, da Sei un Mito a Hanno Ucciso L’Uomo Ragno, da Lo Strano Percorso a Una Canzone d’Amore, fino ad arrivare ai nuovi Ragazzo Inadeguato e I Cowboy Non Mollano, hanno mandato in visibilio giovani e meno giovani.

Ventenni, trentenni e, azzarderei, anche quarantenni, si sono ritrovati spalla a spalla con gli accendini in mano, anzi con i loro smartphone, a cantare a squarciagola di non avere Nessun Rimpianto. Gli stessi si sono, poi, affrettati a raccogliere il feticcio della serata: banconote da 10.000 lire con il faccione di Pezzali al posto di quello di Volta, sparate durante una nostalgica Con Un Deca, resa ancora più nostalgica dal pensiero che oggi con un deca non si fanno più neanche le poche cose di cui si parla nel brano…

Di tanto in tanto, Max cede la scena a Dj Shablo, che mixa ai piatti vecchi successi come Jolly Blue e S’Inkazza: ti guardi intorno e il concerto si è trasformato in una festa danzante anni’90. Molto d’effetto!

Special guest della serata il piccolo Hilo Pezzali alla batteria, protagonista di un breve appello del padre, che ha ricordato che suo figlio è stato colpito dalla sindrome di Kawasaki – uno strano segno del destino per un harleysta – superandola, per fortuna, senza conseguenza. L’occasione è stata utile per far conoscere l’associazione Gli Amici di Lapo, dedicata a un bambino che purtroppo non ce l’ha fatta, e che si occupa proprio di questa malattia non molto conosciuta, ma pericolosa.

Per un pò l’ex 883 non suonerà a Roma, ma ha regalato dei grandi concerti, vissuti ed eseguiti con la stessa semplicità e grinta di vent’anni fa. Sì, perché con questo tour, Pezzali festeggia 20 anni di carriera e lo fa davvero con una grande festa di musica, luci e colori. Tanti auguri Max!

Ringraziamo Live Nation per l’organizzazione e il Palalottomatica per l’ospitalità.

Comments

comments