Due ore. Tanto è stato il tempo necessario per esaurire i biglietti in prevendita. Le stesse, dal valore quasi iniziatico, che sono state richieste, ai pochi “eletti” che sono riusciti ad assicurarsi un posto per il concerto, per ascendere fino a Pian di Spilli, e altrettanto è durata la  bellissima esibizione di Manu Chao che ha ampiamente ripagato il pubblico di ogni sforzo compiuto.
La versione acustica e la formazione ridotta (composta, oltre all’ex Mano Negra, dai soli Luciano Falico alla chitarra e Mauro Mancebo alle percussioni) del concerto “El Chapulín Solo – Manu Chao Acústico”, hanno prodotto una distillazione della musica dell’artista, riportandola a un suo nucleo di originaria essenzialità, così da creare un contatto emotivo più diretto col pubblico e rendendo ancora più speciale l’evento, già tale per la singolare location del Parco del Monte Cucco.
Incurante del vento che sferzava la spianata, al canto di èl viento viene, el viento se va, l’artista ispano-francese ha eseguito molti dei successi del suo repertorio, tra i quali, appunto, El viento, Me llaman calle, La vida tombola, Bongo Bong, Desaparecido, Rumba de Barcelona, Clandestino, Bienvenida a Tijuana e Me gustas tu.

La passione di Manu Chao, cantautore dell’impegno sociale, e la capacità di travolgere della sua musica e dei suoi ritmi incalzanti avrebbero sicuramente avrebbe meritato un pubblico ben più numeroso dei 1400 consentiti (benché tutti rigorosamente forniti di Certificazione Verde) dalle restrizioni anti-covid, come il pubblico avrebbe meritato di potersi muovere e gioire liberamente, anziché limitarsi a cantare ed accennare timidi tentativi di ballo, ciascuno -distanziato- al proprio posto. Ma, anche se Dioniso è dovuto restare confinato entro limiti molto stretti, il concerto di Pian di Spilli resta comunque un miracolo e sarà uno di quelli dei quali il pubblico conserverà per anni l’emozione nel cuore.
Il concerto è stato uno degli eventi del Festival Suoni Contro Vento promosso dalla Associazione Umbra della Canzone e della Musica d’Autore

Comments

comments