Piotta

Sabato sera di festeggiamenti e puro divertimento per Piotta al Monk di Roma.
Per l’evento Piotta, al secolo Tommaso Zanello, ha offerto per il suo compleanno uno spettacolo avvolgente, ricco di ricordi e di nuove hit.

Si sa che l’occasione rende l’uomo ladro e allora ecco che l’evento ufficiale, la presentazione del nuovo EP 8 e 1/2 per GO / MusicFirst e del singolo Applausi al comandante, si è trasformato in uno show come qualcuno del pubblico ha giustamente definito “Old School”.

Agli occhi dell’ascoltatore medio Piotta è sempre quello che negli anni ’90 produceva un divertente rap, ma oggi la storia è ben diversa. Dopo vent’anni di carriera l’ironico trash capitolino ha lasciato lo spazio a testi affilati come lame e diretti al bersaglio, la recente cronaca italiana.
Ne è un perfetto esempio Applausi al comandante, pezzo scritto insieme a Emiliano Rubbi sulla base dei soliti luoghi comuni che contraddistinguono l’italiano, ultimo su tutti la presenza del discusso rapper Bello Figo nel ruolo di copilota della Piotta Arilines.

 

Marco La Fratta

Birra e vodka in quantità
puoi lasciarle tutte là
Scala Santa Trinità
siamo trend di Instagram
Se ti tuffi siamo qua
in fontane del Bernini
in bikini in città
sai che selfie con gli amici
(Applausi al comandante, Piotta)

 

Accompagnato dalla voce di MarvelMex, dall’energia di Marco La Fratta alla chitarra, dall’inarrestabili ritmiche di Davide “Pad” Palmisano al basso, e dal metronomo Claudio Cicchetti alla batteria, Piotta ha regalato ai presenti ben ventisei canzoni per quasi due ore di musica.
Ospiti sul palco Andrea Ra, Emiliano Rubi, Brusco e Il Muro del Canto con Daniele Coccia e Alessandro Pieravanti.

 

Davide Pad Palmisano

Mentre il gregge parla, mentre il gregge bela
su la diversità c’ho fatto una carriera.
Sentiero meno battuto, mai sentito abbattuto
qualcuno rise a battuta ma io non seguo nessuno
(Wot! Capitano mio capitano!, Piotta & Captain Sensible)

 

Saranno gli anni che avanzano, sarà che quel Supercafone di quasi due decenni fa è ormai un marchio di fabbrica, che le nuove ritmiche del disco Nemici hanno conquistato chiunque abbia avuto la voglia di capire un cambio di musicalità dal rap italiano a un’hip hop internazionale con profumi di reggae, resta il fatto che Piotta è sempre una grande onda in grado di travolgere e coinvolgere.

Così, come consuetudine, Piotta ha stupito tutti con questo live, esibendosi davanti a ben due generazioni, quella che negli anni ’90 lo seguiva e quelli che nel nuovo millennio hanno cavalcato il cambio musicale approfondendone la conoscenza di questo incredibile poliedrico artista.

 

Come il vino che invecchiando migliora, Tommaso è così, un comandante a cui fare gli applausi.
Tanti auguri al Piotta!

Piotta

Piotta, Marco La Fratta, Davide “Pad” Palmisano, Emiliano Cicchetti hanno suonato e cantato:
Tommy the gun
Kitty
Nemici + Roma Calling
Tequila (Il Mambo Del Giubileo)
A testa alta
La forza che scorre
Autoban
WOT! Capitano mio capitano!
Sabotaggio + Mai mai mai
Clandestino: la valigia + un’estate ed è finito
Vino, tabacco e Venere
Spingo io
Applausi al comandante
La mossa del giaguaro
Sei meglio te
Piotta è morto
Troppo avanti

Taverna VIII Colle (Fk4, Ciao ciao, Regolare)
Supercafone
7 vizi Capitale feat Il Muro del Canto
Applausi al comandante
La grande onda

Comments

comments