L’undici giugno scorso è stato inaugurata la dodicesima edizione del Festival delle Letterature di Roma presso la Basilica di Massenzio al Foro Romano. Un cartellone ricco di eventi ad ingresso gratuito sino al 3 luglio, promosso dal FAI – Fondo Ambiente Italiano, dal Comune di Roma e dal Progetto Zètema, con un claim di grande impatto: I had a dream, rievocativo della celebre frase di Martin Luther King ed ispiratore di tante letterature, musica, storie di sogni diventati realtà.

Ad aprire la serata, nella splendida cornice archeologica avvolta dai colori dell’imbrunire, Peppe Lo Pilato, agronomo siciliano che ha raccontato del progetto di recupero dell’antico agrumeto della Kolymbethra, di cui è direttore nella valle dei Templi ad Agrigento, ora gestito dal Fai per la tutela del patrimonio artistico e naturalistico contro ogni forma di abusivismo e speculazione edilizia.

A seguire, in questa prima serata intitolata Lettere dalla Terra, è salito sul palco il settantenne fotografo siciliano Ferdinando Scianna. Amico di Cartier-Bresson, di Pennac, di Sciascia, ha raccontato episodi e aneddoti che sono diventati il suo prezioso bagaglio nel corso del tempo: il rapporto profondo e viscerale con la sua Sicilia, l’amore per la terra, per la natura, per il cibo, per la scrittura, per i viaggi, le scoperte nel mondo, l’impegno e le gratificazioni. Ti mangio con gli occhi é il suo ultimo libro, edito da Contrasto, ed é assolutamente da comprare.

É poi il momento dello scrittore inglese Edward St Aubyn, autore della saga narrativa I Melrose, di cui uscirà a breve il quinto libro, At Last, dedicato alle vicende del protagonista Patrick. Narra in inglese un breve estratto del libro.

Arriva infine il tanto atteso Vinicio Capossela, che attraverso parole e musica, presenta il suo ultimo lavoro letterario, Tefteri, edito da Saggiatore; un libro che tratta di conti in sospeso, del debito morale verso la Grecia, madrepatria d’Occidente, dove neppure ai giornalisti della rete pubblica è concesso stare tranquilli, dato il tracollo economico.

Il suggestivo e gradevole accompagnamento musicale della serata, in stile Rebetiko, è affidatari agli italianissimi Evì Evàn.

La manifestazione proseguirà fino al 3 luglio prossimo.

Ringraziamo Progetto Zètema e tutti gli organizzatori per averci cordialmente ospitato.

http://www.festivaldelleletterature.it/it/festival/

http://www.fondoambiente.it/Index.aspx

Comments

comments