Occasione davvero speciale, oggi 4 giugno al Jailbreak, e parlarne come di un normale evento musicale live non é proprio possibile.

Music Up ha infatti organizzato la serata di Mario Contarino con una finalità particolarissima. E Mario Contarino é qui tra noi, in prima fila al centro, quasi immobile sul suo indispensabile strumento, ma uno strumento per muoversi, non per suonare. Mario, un ragazzo, gli occhi vivissimi, Mario pieno di entusiasmo  con il suo progetto TBP di cui abbiamo già parlato (http://www.100decibel.com/wp/tbp-un-progetto-ideato-e-raccontato-da-mario-contarino/). Mario Contarino ed un set di musicisti che si esibiscono con lui e per lui, eseguendo i brani del giovane autore che la distrofia ha costretto all’immobilità, ma certo non al silenzio. Anzi! Il suo primo full length, Universe of Emotions, é uscito da poco. Ed il pubblico risponde, perché in un freddo martedì piovoso il locale é pieno di gente in attesa.
Alle 22 iniziano con il loro hard rock gli AfterburnerGiacomo Anselmi: Chitarra, William Stravato: Chitarra, Frank Marino: Voce, Joe Chirchirillo: Basso (magnifico, a 6 corde), Luca Capitani: Batteria e Danilo Cherni: Tastiere. Bella grinta e carica per la tribute band che interpreta pezzi nel genere. Chiusura in bellezza con uno splendido brano scritto proprio da Mario Contarino.
Setlist:
Burn
Bad Boys
Love ain’t…..
Slide
Is this love
Fool
Judgement
Give me all your love
Crying in The rain
Here I go again
Still of The night
(Ain’t no love)

That’s enough (di Mario Contarino)

Il supergruppo All Stars forte di John Macaluso in batteria, Lorenzo Feliciati, Mirko Serra e Marco Pistone ai basso, Lorenzo Venza, Alessio Forlani, Sebastiano Esposito e Luca Ballabio alle chitarre, e Gian Marco La Serra alle tastiere é una scatenata macchina da guerra.
Intro strumentale per il gruppo spalleggiato dal grande drummer progressive che aspettavamo da tempo di incontrare di persona e che dá immediatamente prova di sé. La band di All Stars si é riunita proprio per dare corpo e voce ai brani scritti da Mario, come ci annuncia Alex Forlani dopo il primo pezzo. Continua la serie strumentale in chiave progressive con uno spettacolare assolo in tempi dispari di Macaluso, di recente impegnato anche in affollate “clinic” in giro per la penisola, Macaluso che si conferma assolutamente strepitosamente magistrale. Riprende la formazione completa, e più andiamo avanti più la sinergia tra i maestri sul palco si fa densa. Tra gli altri brani composti da Contarino, abbiamo ascoltato anche Jungle Island, Damn War, e la title track Universe of Emotions. Il culmine si raggiunge alle 23.30, energia al massimo, i musicisti che si raggruppano al centro del palco per un inchino collettivo a Mario, e sfilano fuori. L’applauso é per Mario, e per la “sua” musica… la sua vita.
Grazie a Music Up ed al Jailbreak per la cordiale accoglienza.

www.facebook.com/TBPofficial

twitter.com/musicTBP

www.youtube.com/thebiddittisproject

http://soundcloud.com/tbpofficial

E-mail: marosdrums@hotmail.it

 

Comments

comments