L’intervista di oggi vede protagonista una rock band più unica che rara. Una di quelle band che bisogna ascoltare dal vivo, e che alla fine del concerto ti lasciano una carica di adrenalina addosso tanto che non vorreste mai che smettessero di suonare.

Abbiamo incontrato Filippo Lunardo una delle anime della band, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui per scoprire qual è il segreto della loro energia.

Ecco a voi gli USHAS

D: Iniziamo con le domande facili, chi sono gli USHAS e il vostro nome da cosa deriva?

R: Gli USHAS sono Filippo Lunardo alla chitarra, Giorgio Lorito alla voce, Guido Prandi al basso e Giorgio Ottaviani alla batteria.

Il nome della band appartiene a una Dea indiana, la Dea dell’Aurora così come presentata dagli antichi inni dei testi sacri chiamati Veda. USHAS è il primo evento che gli indiani vivono, passata la notte; famosa per il seno prosperoso la Dea conduce con sé un nuovo inizio, ma, implicitamente, anche una futura nuova fine, un ciclo infinito!

D: Ho avuto la possibilità di fotografarvi e sul palco siete fantastici, da dove esce tutta questa energia?

R: Gli USHAS sono fondamentalmente una live band, è il palco a instillare una linfa continua nel nostro sound, l’idea e la percezione di ritrovarsi davanti alla gente e di condividere la nostra strada e le nostre storie…e ultimo ma non ultimo l’amore per la musica suonata a volumi potenti!!!!

D: Il vostro è rock italiano, vi ispirate a qualche artista italiano e non in particolare?

R: Le nostre fonti di ispirazione sono molteplici e diversificate, spaziamo molto nei nostri gusti musicali, dalla classica al punk passando obbligatoriamente per gli ineguagliabili anni ’70. Tra gli italiani annoveriamo gruppi fondamentali e senza tempo come i Pfm, i New Trolls, i Litfiba e così via, troppi da citare, e lo stesso vale per i gruppi stranieri, si parte dai Beatles passando per il maestro Zappa, poi viriamo su Deep Purple, Led Zeppelin, Cactus, Mountain ecc. sino ad arrivare ai nostri giorni con i mostri sacri del metal e del nu metal

D: Recentemente avete partecipato al Festival Litfiba Channel a Sesto Fiorentino, avete incontrato anche il mitico Piero Pelù, vuoi raccontarci questa esperienza?

R: E’ stata un’esperienza molto coinvolgente, abbiamo passato dei giorni di puro rock’n’roll con gli amici dello staff del Litfiba Channel e delle altre band.

Memorabile la nottata goliardica prima del concerto, passata a fare scherzi, a suonare e a fare di tutto tranne che dormire (per la felicità dei presenti nell’albergo che ci ospitava!!!!) e infine il concerto stesso svolto nell’abbraccio della piazza allegra e rumorosa.

Piero e i Litfiba erano presenti, e hanno partecipato in prima persona all’evento dimostrandosi dei veri rockers, affabili, disponibili ed entusiasti, un vero esempio!

D: E’ in uscita il vostro primo album, “Verso Est”, come mai questo titolo?

R: La nostra musica filosoficamente guarda a Est, a oriente, risultato tra l’altro dei miei innumerevoli viaggi in India tra le comunità tibetane in esilio. Tali esperienze e l’interesse per le visioni filosofiche orientali riverberano in molti dei nostri testi

D: Perché qualcuno dovrebbe comprare il vostro album  o venire ad un vostro live? Cosa ci si dovrebbe aspettare da voi?

R: Niente di più che puro, potente, massiccio, folle, entusiasta, romantico hard rock’n’roll, se mi permetti l’unione dei generi in una parola sola (e troppe altre ce ne vorrebbero!!!!)

D: Quali sono i vostri progetti futuri?

R: Intanto il 13 di questo mese esce il nostro secondo singolo, Shri Heruka, dal nome di una divinità buddhista, che si potrà ascoltare facilmente dalla piattaforma soundcloud, il cui link sarà inoltre reperibile dal nostro contatto facebook USHAS RockBand;

il 30, sempre di questo mese, finalmente uscirà l’album “Verso Est”, prodotto dalla Agoge Records.

Presenteremo ufficialmente “Verso Est “ con un concerto il 5 ottobre al Jailbreak live club di Roma, in Via Tiburtina 870, release party che coincide con la festa di riapertura del locale

D: Prima di andare, lasci un saluto rock per i nostri lettori?

R: Beh, che dire, come direbbe Giorgio… ROCK’ N’ ROOOOOOOOOOOOOOOLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLL (e dite addio ai timpani!!!!!!!)

per saperne di più:

USHAS RockBand

Ricordiamo che il 13 settembre uscirà in anteprima il loro singolo Shri Herukahttps://www.facebook.com/events/145367415672633/?fref=ts

Inoltre questa sera a partire dalle 21:30 presentazione ufficiale del singolo su Litfiba Channel http://www.spreaker.com/user/litfibachannel_webradio

Comments

comments