Report a cura di Elena Careddu

Unica tappa italiana per gli Stereophonics che ieri si sono esibiti al Fabrique di Milano. Dal loro debutto ne ’97 con “Word gets around”, la formazione del cantante chitarrista Kelly Jones ha collezionato dieci album in studio, di cui cinque number one records in Inghilterra, un album live e una raccolta, diventando una vera icona del rock Made in UK. Al Fabrique hanno presentato il loro ultimo album “Scream above the sounds“.

A scaldare il pubblico del Fabrique ci ha pensato Alex Franci: talentuoso cantautore che, al suo debutto su un palco italiano, ha saputo divertire e incuriosire con uno stile emotivamente coinvolgente che abbraccia rock e soul.

Sul palco prendono posto la chitarra di Kelly Jones, il basso di Richard Jones, la chitarra di Adam Zindani e la batteria di Jamie Morrison; il concerto inizia con “Feel“, ma è con “C’est la vie” che il pubblico si infiamma, diventa un unico corpo ondeggiante e pressatissimo. Un pubblico composto da moltissimi ragazzi cresciuti con la musica degli Stereophonics e che di questa hanno saputo innamorarsi e vederne le evoluzioni, ma anche molti giovani che hanno saputo apprezzare un rock autentico, lontano dall’elettronica e capace di reinventarsi rimanendo fedele a sé stesso.
Gli Stereophonics con i loro testi vogliono ribadire l‘importanza di uno sguardo al futuro, non perdendo di vista la bellezza per non arrendersi ai momenti di sconforto che inevitabilmente i fatti di cronaca portano: “Caught by the wind”, ispirato ai fatti del Bataclan, è un inno alla vita: “Help yourself to what you want/Yeah, caught by the wind/Believing you can fly/Celebrate everything“.

E questo concerto in cui non potevano mancare “Maybe tomorrow” e “Have a Nice Day” suonate in sequenza è stato un bel regalo per i fan e per chi ancora li conosceva poco: un’ondata di energia squisitamente rock che ha saputo divertire ed emozionare.

Il tour degli Stereoponics riparte per Monaco dove suoneranno questa sera e per poi spostarsi a Berlino e tornare in Uk, passare per Dublino il 16 Marzo e terminare a Parigi con la data del 21 Luglio.

Comments

comments