La locandina é splendida, il locale é il famoso Jailbreak di Via Tiburtina, teatro di migliaia di live nel nome del rock, e la fama delle band che stiamo per ascoltare é indiscussa. Non manca niente, quindi in questo 20 aprile, ed alle 22.30 si parte con il particolarissimo ensemble che vede sul palco assieme Sick n’Beautiful e Pink Absynth. Ray Sperlonga al basso, più chitarre e batteria ad incorniciare le voci femminili titolari e ‘di passaggio’ che si alternano sul palco tra brani originali in inglese cantati magistralmente dalla potente voce che vive nella gola della esile e biondissima Federica, i cui costumi sono sempre al top della presenza scenica, e dalle ragazze e ragazzi della scuola di Ray stesso, che ci regalano pezzi cover di hard rock e non solo, in assolo ed in cori fin quasi a mezzanotte.

 

Time for FENISIA show!! Il pubblico é già caldo per il grande attacco con polifonie e per la grande presenza scenica di Nic Ciaz in voce e chitarra. Completano la formazione all’attivo Lian Ciaz alla chitarra e cori, Liquido al basso e Tig Smith alla batteria. La band hard metal con suggestioni anni ’70 attiva dal 2007 ostenta il logo della Fenice, che dà il nome al gruppo, anche sulle chitarre e sulle t-shirt, e sui gilet di pelle nera addosso ai due Ciaz. T-shirt Black Label Society per Mr. Liquido che al basso dá il meglio in sinergia con le bacchette di Tig Smith. Con l’occasione della presentazione del video Lucifer, ci gustiamo una sequela di pezzi originali in inglese senza tregua per la voce esperta e caratteristica di Nic messa in risalto anche dall’appoggio in seconda voce di Lian. Al quarto brano Nic accoglie sul palco le due voci femminili per la cover di Highway to hell di AC/DC che Nic stesso chiude con uno spettacolare assolo tutto distorsioni. Rientra per un contributo Ray Sperlonga in voce a condividere il palco con Fenisia per una dose massiccia di metal da timpani sanguinanti, di quello che ti fa dire “Ci voleva!”, assieme al navigato frontman Nic che chiude ogni pezzo con pesanti distorsioni.

 

 

Quasi l’una quando con tutta la scuola di musica a dividere il palco il live si conclude tra gli applausi.
Abbiamo ascoltato:
Outpost
Adamant
Babylon’s Garden
Morning Star
Venus
(Highway to hell)
Live Loyal Die Loyal
(TNT)
Man in the Dust
(My Sharona)
Damnation’s Ballad
Lucifer
Slither
Are you gonna go my way
(N.d.r. I pezzi in parentesi sono stati cantati dai ragazzi della scuola di Ray Sperlonga)

 

Ringraziamo il Jailbreak per averci ospitati, e naturalmente le band.
Per saperne di piú:
www.fenisia.com
www.sicknbeautiful.com

Comments

comments