Ushas

Il JailBreak è tornato!

E nella serata del 5 Ottobre, che ha segnato ufficialmente l’inizio della stagione autunnale di uno dei locali da sempre fulcro di tanti spettacoli e iniziative, lo ha fatto col botto!

Una serata carica di energia, dove si è respirata aria di novità e voglia di rinascita.

L’inaugurazione del nuovo palco è stata affidata ad una cover band, tutta al femminile, frizzantine e piacevolmente provocanti: le Highway To Her (Kate, voce; Alessia e Flavia alla chitarra; Anais, basso; Misa, batteria). Con quel tocco di femminilità che non gusta mai, hanno ripercorso le tappe più significative della band Australiana degli AC-DC. Partendo con Back In Black, omaggiando il locale con JailBreak, proseguendo con Let Me Put, It’s A Long Way e via via toccando un po’ tutta la carriera della band, focalizzando l’attenzione però sull’album Back in Black, hanno regalato un show grintoso e per certi versi diverso. Di sicuro non deludente!

Della Girls Band abbiamo ascoltato:

–    Back In Black
–    TNT
–    JailBreak
–    Let Me Put
–    It’s A Long Way
–    Girls Got Rhythm
–    You Shook
–    Touch Too Much
–    Whole Lotta
–    Walk All Over You
–    Rock’n’RollTrain
–    Given The Dog
–    Sin City
–    Thunderstruck
–    Highway To Her

Cambio palco: altro gruppo, altro show.

Gli Ushas (Giorgio Lorito, voce; Filippo Lunardo, chitarra; Guido Prandi, basso; Giorgio Ottaviani, batteria) già una volta ci hanno sorpreso con la loro performance. E durante un’intervista (che potete leggere qui) ci hanno raccontato dell’album che in questa serata andiamo ad ascoltare dal vivo. Se possibile, però, stavolta si sono superati alla grande! Sarà che la serata era già propensa alle novità, sarà che si aveva voglia di ritornare su un palco, sarà che il loro showcase è dedicato alla presentazione del loro album: Verso Est. Sta di fatto che la rock band, italiana a tutto tondo, con la loro sinergia ha trascinato il pubblico sotto palco. Giorgio sul palco è un vulcano, con la sua ugola d’oro: balla, ride scherza… un vero Jack Sparrow nostrano!

Degli Ushas abbiamo ascoltato:

–    Fuorilegge
–    Sangue E Carne
–    Io Non Sono Qui
–    La Via Della Seta
–    Verso Est
–    Shri Eruka
–    Dai Tetti Di Gaden
–    Desperados
–    Yama
–    Maledetta Notte

Bis:

–    Hobo
–    Akab

La prima serata del JB si è conclusa dignitosa. Il pubblico è stato attivo e partecipe. Post serata, abbiamo raggiunto il direttore artistico, Aldo Recalchi, che domandandogli un’impressione sull’openig ci ha detto: “La serata d’apertura è andata bene. Mi aspettavo una forte risposta, certo la rispsta è stata ancora piú forte, questo perchè credo che la gente avesse bisogno del jail, come punto d’incontro dove rivedere vecchi amici, ascoltare buona musica a prescindere da chi suona, mangiare bene e trovare un ambiente familiare. Ovviamente è la prima serata, tutto è ancora da dimostrare, ma sono convinto che lavorando bene, con dedizione e passione, si possa confermare la risposta avuta all’apertura. La soddisfazione più grande è stata vedere il sorriso sul volto della gente. Siamo poi sensibili alle problematiche delle persone, e per questo l’ingresso libero la farà da padrona. A parte eventi di una certa caratura. Infatti sono in arrivo delle sorprese.

E noi staremo sintonizzati sulle frequenze del JB per tenervi aggiornati su ogni serata e iniziative.

A distanza di una settimana, il 12 Ottobre, il JB ha organizzato un’altra serata strepitosa: stavolta è il metal a farla da padrone.

I Physical Noise (Antony Meloni, chitarra; Andrea Colle, chitarra solista; Luca Fizzarotti, voce; Erica Berton, basso; Valerio Mondelli, batteria) festeggiano i loro sette anni di attività: sarà forse questa la ragione di tanta carica? Sta di fatto che non deludono mai questi giovani ragazzi che, zigzagando, stringono i denti per portare avanti il loro progetto di inediti che finora gli ha donato tante soddisfazioni. Noi abbiamo avuto l’impressione che i Physical fossero particolarmente determinati a far vedere di che pasta sono fatti. Infatti, post concerto, i ragazzi ci hanno detto: “Siamo saliti sul palco veramente carichi, perché in quella mezz’ora di tempo volevamo dare il massimo e far divertire soprattutto chi ancora non ci conosceva. Speriamo che tutto il nostro entusiasmo per il nostro lavoro di 7 anni abbia contagiato anche il pubblico. Il secondo album è ancora in fase di scrittura, ma ne avete avuto un assaggio con Quarantine, scritta proprio durante la nostra “quarantena” durante la quale tutti e 5 i Noise hanno convissuto per una settimana nello stesso appartamento. Dalla risposta del pubblico sembra che stiamo lavorando nella giusta direzione.” E siamo certi che la conferma arriverà col loro secondo nuovo album. Follow The Noise!

SetList:

–    Welcome To The Peerkh
–    Flames Of Unknown
–    Quarantine
–    The Eternal Night
–    Physical Noise
–    Scare My Demons

Carriera decennale per gli headliner della serata. Una tra le tribute bands più famose della capitale: gli Invaders! Solo una tribute band? Ma anche no!

C’è una preparazione sopraffina che contraddistingue Matteo Cervini (voce), Germano Caretti, Daniele Tondelli e Gianluca Capo (chitarra), Emiliano Laglia (basso) e Fabio Mengasini (batteria). Senza parlare poi della presenza scenica, della grinta e della bravura che si vede in ciascun componente e che non lascia in ombra nessuno. E poi sono pieni di iniziativa questi ragazzi: in collaborazione con 100 Decibel è stato organizzato un contest pre-concerto, che ha visto coinvolti i fans veri degli Iron Maiden, con domande inerenti ai loro idoli e i cui vincitori sono stati premiati durante il live. E poi ci sono stati lanci di magliette, pogate, cori… un’atmosfera di tutto rispetto per una performance carica di aspettative e che le ha soddisfatte tutte.

Peculiarità di questa band romana, è quella di riproporre l’intero live degli Iron. E in questa serata abbiamo avuto il piacere di vivere il Live After Death Night:

–    Intro/Aces High
–    Two Minutes To Midnight
–    The Trooper
–    Revelations
–    Flight Of Icarus
–    Rime Of The Ancient Mariner
–    Intro/Powerslave
–    Intro/666
–    Hallowed Be Thy Name
–    Iron Maiden
–    Run To The Hills
–    Running Free

Bis:

–    Sanctuary
–    Wrathchild

 

Comments

comments