I COMPROMESSI “UCCIDONO” LE ROCK STAR?  

 “27”

E’ IL NUOVO SINGOLO DEI

6b102c60-d4c7-0133-8771-2ad98c0730ce

LA BAND CHE DALL’ITALIA HA CONQUISTATO 

IL PUBBLICO E LA CRITICA USA 

E’ ON LINE 

CON IL VIDEO DEL TERZO SINGOLO ESTRATTO DA “AWAKENING”

“27”, il nuovo video dei Mother Mary Mood è on line!

L’ossessione per la fama, uccide le rock star?” Sembra essere questo l’interrogativo di fondo in “27”, il terzo singolo estratto dall’album Awakening dei Mother Mary Mood, alternative-rock band, italo-americana, richiesta e acclamata negli Stati Uniti, dove si è “rodata” con un gran bel “bagaglio” live.

Il singolo prende il nome dal “Club 27” che ha visto coinvolte tante rock star, da Brian Jones a Jimi Hendrix, da Janis Joplin a Jim Morrison, diventati mostri sacri proprio per la loro morte prematura. Il vero e proprio iniziatore di questa “maledizione” è considerato però Robert Johnson il leggendario musicista blues che – come narra la leggenda – vendette la propria anima al diavolo per ottenere quel successo che lo fece entrare nella storia della musica contemporanea.

In questo brano – racconta Lorenzo Spanò, autore del testo – volevamo affrontare l’argomento della “morte” di alcune delle più importanti  rock star, dei compromessi ai quali si può scendere intesi soprattutto in senso artistico e delle conseguenze estreme alle quali tutto ciò può condurre. In un ambiente in cui la concorrenza è spietata come quello della musica, cedervi pare essere l’unico modo per poter emergere; tutto questo ci appartiene molto soprattutto da quando stiamo tentando di farci conoscere in Italia, forti delle nostre radici rock, made in USA dalle quali non abbiamo intenzione di allontanarci a nessun costo!”.

Non è una novità che i talenti e le idee nuove nel nostro paese incontrino difficoltà a emergere ma i Mother Mary Mood, fuori dai confini nazionali, rappresentano una vera sorpresa: girando per città come Los Angeles, San Diego e Las Vegas, fino allo scorso anno poteva capitare di vedere il loro nome inserito nei bill di locali come il “Whisky a go go”, l’”Hard Rock Hotel”, il “Brick by brick” o il “Ruby Room” e scoprire con non poco stupore il clamoroso seguito che hanno.

 “27” è accompagnato da un bellissimo video (on line sul canale ufficiale della band: https://www.youtube.com/watch?v=EN0djjOrBMY) realizzato dal visual Francesco Iacobelli e girato con la tecnica dello “slow motion”. Un clip dalle atmosfere oscure dove la regia trasforma lo scenario nel quale la band si muove e dove, a sua volta, cambia atteggiamento: dapprima “frustrata” per il mancato successo e poi “sospesa” in uno spazio-tempo surreale dove il “compromesso” ha rubato la scena alla creatività e alla soddisfazione, tanto ricercate.

Prodotto da Alessandro Beltrame, “27” è un brano scritto e composto dalla stessa band e fa parte del  secondo album ”Awakening ”, uscito nel 2014.

I Mother Mary Mood sono attualmente impegnati nella preparazione del nuovo album la cui pubblicazione è prevista per ottobre 2016 e dalla fine di maggio realizzeranno un mini tour in alcuni dei migliori club d’Europa (saranno a Londra e a Parigi); altre date europee sono in via di definizione.

Nel frattempo saranno in concerto a Roma il 12 maggio al “Let It Beer” e  il 1° giugno alla “Locanda Blues” per la festa finale di “Sogno Ribelle Live” durante la quale si esibiranno, tra le altre band, Urock e Pavic.

“Mother Mary Mood is not a band to be taken lightly both in sound and in attitude. This group of five pack a real rock sound that is heavy without alienating the general music fan, while able to slow it down. Mother Mary Mood has the appeal of Pearl Jam and Foo Fighters, hard hitting and just great riffs

(Hellhoundmusic)

 

“Mother Mary Mood: la storia di una passione americana”

(Wall street International)

 

Comments

comments