Cantautori di diverse generazioni si sono messi in gioco lo scorso  5 ottobre al teatro comunale di Tor Bella Monaca, per la “Notte Bianca dei Cantautori”, evento fortemente voluto dal direttore artistico Alessandro Benvenuti, da Filippo d’Alessio (direttore del teatro) e da Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, che ne ha curato la conduzione il casting dei cantautori e tutto ciò che ne concerneva palinsesto delle esibizioni e coordinamento degli interventi dei 25 artisti che si sono susseguiti.

Una lunga serata cominciata alle 21.00 circa e finita intorno alle 2.30 della notte. Sul palco veri e propri “mostri sacri” della musica d’autore italiana come Mario Castelnuovo, Mimmo Cavallo, Mariella Nava, Roberto KustlerGrazia di Michele ed Edoardo De Angelis, si sono alternati alle nuove leve del cantautorato nostrano. Giovani autori di grande talento come  Simone Avincola, Katres, Pierluigi “Piji” Siciliani, Ghita, Fabrizio Emigli, Erika Boschiero. Tutti molto bravi che senza dubbio non hanno saputo sfigurare davanti ai loro “maestri”, quella vecchia guardia intramontabile della musica italiana d’autore. Ad aprire le danze, dopo un breve intervento di Ernesto Bassignano, l’esuberante e poliedrico Alessandro Benvenuti, gran mattatore prestato alla musica in questa occasione. Pochi sanno che oltre ad essere attore, commediografo, regista, sceneggiatore e scrittore, Benvenuti è anche un bravo cantautore. Spassosissimo sul palco, regala gag a non finire che divertono il pubblico. Presenta le sue canzoni attraverso lunghi e surreali monologhi attraverso i quali tenta di spiegare come sono nate queste composizioni. Ma tutto è colorito e divertente. Tra i pezzi presentati “Incantevole Caduta”, nata secondo quanto afferma durante un soggiorno a Monte Livata nei pressi di Subiaco (Roma), nel quale è rimasto bloccato da una nevicata improvvisa. Da li un lunghissimo soliloquio comico e buffo su vizi e malcostumi di certi abitanti della provincia romana. Poi un pensiero, singolare rivolto al padre e al suo rapporto con lui, sempre a sfondo comico ed una versione riveduta e corretta de “L’Avvelenata” di Francesco Guccini.

Sicuramente più seria Rossella Seno, con un esibizione di poesia e musica ispirata alle opere di Alda Merini. Quindi Max Manfredi (collaboratore di Fabrizio De André), Katres ed Erminio Sinni. Sinni è un cantautore toscano che ha avuto modo di collaborare con Riccardo Cocciante, Massimo Bizzarri, Stefania La Fauci ed altri artisti italiani di un certo livello. Celebre in Sud America, nel 1998 la sua canzone “L’amore vero” diventa colonna sonora per la telenovela “Por amor” trasmessa in America Latina da Rete Globo e vende 832.000 copie. Katres rappresenta invece la prima delle “nuove proposte” del cantautorato italiano, presentate in questa serata di grande musica. Da poco è uscito il suo disco “Farfalla a Valvole” dal quale ha cantato il singolo “Coiffeur”. Tra gli altri brani cantati “Dicembre” e “Bla Bla Bla”.

Arriva poi la volta di una grande: Grazia Di Michele e a seguire un’altra sorprendente cantautrice emergente Erika Boschiero, bionda, giovane, dotata di una voce amabile e di estrema delicatezza. A metà serata circa arriva una delle artiste più attese: Mariella Nava. Autrice di molti brani resi celebri da altri artisti, ne esegue due al pianoforte portati in auge da due “principi” della musica italiana: si tratta di “Per Amore” interpretata da Andrea Bocelli che ne ha fatto un successo internazionale, e “Spalle Al Muro” resa celebre dall’ interpretazione di Renato Zero nella sua partecipazione sanremese del 1991, al termine della quale il pubblico del teatro Ariston gli tributò una delle più grandi ovazioni mai fatte nella storia del Festival. E grande ovazione ha tributato a Mariella Nava il pubblico del teatro nella sua esecuzione alla Notte Bianca dei Cantautori. Un giusto riconoscimento a questa straordinaria artista.

Altri momenti salienti della lunga notte sicuramente  le divertenti incursioni del cantante-comico Nando Citarella, l’esibizione di Mimmo Cavallo con il suo divertentissimo brano “Uh Mammà!”, grande hit degli anni Ottanta, le emozionanti ed intramontabili note di “Lella”  successo di Edoardo De Angelis, diventato un cult nella musica popolare romana. De Angelis, vero pezzo di storia della musica d’autore, ha confessato come ami sempre meno cantare questa canzone da lui composta nel 1970; canzone dove si parla  dell’omicidio di una donna, commesso dal protagonista  che si confessa ad un amico facendo giurare a quest’ultimo di non farne mai parola con nessuno.“Oggi troppe donne vengono uccise, e cantare una canzone che narra di una storia popolare che include l’omicidio di una donna rende sempre meno piacevole cantare questa canzone”- afferma De Angelis. Ha recentemente composto un brano che si intitola “Non Uccidete Anna!” un brano contro il femminicidio che esegue sempre dopo di “Lella” in ogni concerto. Altro artista atteso era senza dubbio Mario Castelnuovo, grande cantore di storie d’amore, anch’ egli molto in voga negli anni Ottanta, fertile periodo creativo nel quale pubblicò ben sette album in soli dieci anni, e tutti grandi successi. Tra i giovani autori romani ha senza dubbio piacevolmente sorpreso il bravo Simone Avincola .

Interessante anche Fabrizio Emigli, altro autore della riscoperta musica d’autore romana, con una voce greve molto particolare, un po’ simile a quella di Michele Zarrillo.  Peccato che sul finire, poco spazio si è dato per motivi di tempo a Nina Monti, Ghita, Fabrizio Emigli e Roberto Giglio che di certo avrebbero meritato uno spazio maggiore: brevi esibizioni di un solo brano velocemente alternate. Comunque una bella serata di ottima musica, che lascia in piedi una speranza: la musica italiana non è morta, malgrado il lavoro di radio, realty televisivi e major discografiche che fan di tutto per ucciderla. Bassignano ha sposato una sua causa, ovvero quella di riportare la musica d’autore italiana emergente di nuovo sulla cresta dell’onda, come una sorta di rinascimento della musica in Italia. Il materiale c’è, e ce ne è tanto…

Comments

comments