#FAKENEWS

è l’ultimo album dei

Dubioza Kolektiv

 

Uscito per l’etichetta Menart e disponibile gratuitamente in rete (scelta che li contraddistingue da sempre) sia in download che streaming.

Ascoltalo qui

Un’irresistibile miscela di ska e punk, un esplosivo cocktail di elettronica e rock. Un album che è allo stesso tempo un grido di rabbia e un urlo di amore, per la vita e l’intero genere umano.

Come suggerisce il titolo, ispirazione e tema del progetto sono le fake news, le cosiddette bufale della rete ormai fenomeno dilagante degli ultimi anni.  Ospiti illustri affiancano il gruppo nella realizzazione del disco: accanto a un partner consolidato come Manu Chao, presente nel brano Cross the line , inno alla libertà di movimento dei migranti, costretti a fuggire da confini e tempi insanguinati; si aggiungono il giamaicano Earl Sixteen di Dreadzone, Toma Feterman dei Soviet Suprem, e il gruppo messicano Los de Abajo.

Novità assoluta: l’esclusiva presenza del robot Robby Megabyte, protagonista di “Take my Job Away” . Una scelta obbligata per i Dubioza Kolektiv, che raccontano ironicamente di essere stati costretti a ricorrere ad avanzate soluzioni di robotica e intelligenza artistica artificiale per sopperire alla totale mancanza di talento nella band e in tutti i Balcani.

DUBIOZA KOLEKTIV – LA BAND

Almir Hasanbegovic – voce

Adis Zvekic – voce

Brano Jakubovic – tastiere e sampler

Vedran Mujagic – basso

Senad Suta – batteria

Mario Sevarac – sassofono

Jernej Savel – chitarra

Dragan Jakubovic – tecnico del suono

Comments

comments