Il concerto di chiusura del Todi Festival ha coinciso anche con l’ultima data dell’impegnativo The 12th Room Tour. Ezio Bosso, nella cornice della Piazza del Popolo di Todi, ha stregato il pubblico con uno spettacolo in cui (almeno nella prima parte) i monologhi, di straordinaria sensibilità e profondità, si sono alternati alla musica.

Il compositore torinese ha proposto brani del suo ultimo lavoro The 12th Room iniziando con Following a Bird (il brano presentato quando è stato ospite lo scorso Sanremo, la prima stanza), continuando con la suite Bach was in another room (visitando le stanze dedicate al “vecchiaccio” Bach e a Chopin), senza dimenticare John Cage (in a landscape) ed Emily Dickinson (“la dolcezza delle tue labbra e l’amaro delle tue parole”).

Poi però, ha lasciato che fosse il suo “fratellone” Steinway a parlare, dedicando la seconda parte del concerto alla dodicesima stanza: la Sonata per pianoforte in sol minore; 45 minuti di straordinaria intensità da vivere quasi in apnea, prima di concedersi nuovamente al pubblico, ormai in standing ovation, con l’encore Smile for y, a chiusura di un bellissimo concerto che ha regalato emozioni di una qualità rara e difficile da dimenticare.

 

Comments

comments

A proposito dell'autore

Suona uno strumento che si mette a fuoco