Giunto alla quattordicesima edizione, quest’anno dal 3 all’11 agosto scorso, il Summer Jamboree sembra aver riscosso un enorme successo di pubblico (con ben 300.00 presenze stimate) riportando, ancora una volta, la deliziosa cittadina marchigiana, nella magia dei favolosi Fifties.

Di che si tratta? Il Summer Jamboree è il Festival internazionale della musica e della cultura americana degli anni ’40 e ‘50, il secondo al mondo per importanza. Si svolge ogni anno, dal 2000, a Senigallia, ridente cittadina nelle Marche, famosa per la sua Rotonda sul mare (sì, proprio quella di Fred Bongusto), per il Cater-raduno di Radio Rai2 e per la sua spiaggia di velluto.

Nel corso degli anni, il Summer Jamboree ha accolto un numero sempre più grande di appassionati e nostalgici amanti del rock’n’roll, dello swing e di tutto quel che rievoca quelle atmosfere colorate, allegre e grintose dell’epoca. Donne bellissime, con le loro gonne a ruota, labbra rosso fuoco e fiori tra i capelli, ragazzotti impomatati, chi con bretelle e scarpe lucide bicolore, chi con vistosi tatuaggi e roboanti Harley Davidson al seguito o enormi Cadillac color pastello; hot-dog, birre gelate, zucchero filato e cremini alla frutta da gustare durante le passeggiate tra i vicoli, mentre musica di ogni genere avvolge e travolge ogni cosa. La gente balla da mattina fino a sera, dal Piccolo Lido de “Il Mascalzone  al dance camp nel fossato dello splendido castello di Senigallia, fino a tarda notte, sia alla Rotonda sul mare che al Foro Annoniano, dopo i concerti che, di volta in volta, si susseguono durante tutta la rassegna. E, ciliegina sulla torta, atteso impazientemente da tutti, lo scoppiettante Hawaiian Party in spiaggia, tra collane di fiori, cocktail esplosivi e camicie variopinte; ci si scatena in danze conturbanti, mentre gruppi musicali italiani e stranieri si alternano sul palcoscenico.

Il  palco più ambito rimane sempre quello del Foro Annoniano che, nel corso degli anni, è stato calcato da grandi artisti come Jerry Lee Lewis, gli Stray Cats, Danny & The Junior, Bill Haley’s Original Comets, Chuck Berry e persino la sofisticata regina del Burlesque, Dita Von Teese.

Il concertone ufficiale del Summer Jamboree 2013, ha visto dunque protagonista lo statunitense Duane Eddy,  re della Twang Guitar, ispiratore per i Beatles,Bruce Springsteen, Creedence Clearwater Revival, Chris Isaak,  persino premiato nel 1986 con un Grammy Award e inserito nella Rock and Roll Hall of Famedal 1994. Accolto calorosamente dal grande pubblico presente in piazza, si è concesso anche ai tanti fans per un autografo o una foto ricordo, dopo una performance entusiasmante in cui ha suonato ininterrottamente, accompagnato egregiamente dalla band di Deke Dickerson & The Eccofonics, i suoi pezzi più famosi, dal blues al country al rockabilly, compresi brani come House of the rising sun e soprattutto Rebel Rouser, The Trembler e Shazam, inseriti nelle colonne sonore dei film Naturally Born Killer e Forrest Gump.

Madrina d’eccezione di tutta questa quattordicesima edizione del Summer Jamboree è stata Grace Hall, la diva del Burlesque Made in Italy. Insieme al Sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi hanno presentato Duane Eddy sul palco e dato ufficialmente inizio al Festival, ricordando al grande pubblico l’impegno umanitario cui si lega il Summer Jamboree, grazie alla partnership con la Lega Filo D’Oro, in una raccolta fondi per il Progetto Palloncino, a sostegno dell’attività di musicoterapia nei confronti delle persone sordo-cieche.

Un grazie speciale va, ancora una volta, agli organizzatori e all’ufficio stampa del Summer Jamboree, che ci hanno gentilmente ospitati.

Alessandro Piccinini Comunicazione: www.summerjamboree.com

Comments

comments