Daniele Silvestri a Cerveteri azzera le distanze

Nella splendida ambientazione del Parco della Legnara di Cerveteri altra serata dell’ EtruriaEcoFestival fortemente voluto, anche in questa estate così particolare dove la musica si è sentita poco ,  dall’assessore Federica Battafarano e dalla Ciurma organizzativa -ormai storica dell’EEF, giunta alla 14° edizione –

Una edizione “ristretta” e adattata alle esigenze anti-covid ma comunque di forte impatto e con grandi nomi – Daniele silvestri ha intasato i centralini per le prenotazioni al live  e fatto sold-out in meno di mezza giornata. Un festival che da anni porta grandi nomi e giovani band emergenti su questo palco, un festival che ricordiamo esiste da 14 anni  rigorosamente a ingresso gratuito e portato avanti da un gruppo di giovani la famosa Ciurma.

Periodo di distanziamento sociale e mascherine, posti prenotati, misurazione della febbre e regole.. poi sale Silvestri sul palco e si siede al piano.. e ci si dimentica di tutto.. passa da nuovi a vecchi pezzi, manda all’aria la scaletta e ci si diverte mentre i suoi stupendi musicisti cambiano al volo gli strumenti per stargli dietro. Quando chi è sul palco sa far musica è tutto semplice, si può creare, improvvisare e il risultato è magia. Sullo sfondo la luna accompagna le oltre due ore di musica regalate da Daniele e i suoi. Il pubblico si muove al ritmo della sua musica, batte le mani. Per non scontentare nessuno regala due bis con canzoni che tutti conoscono e cantano concludendo il concerto con “La Paranza” e l’immancabile “Testardo” con cui chiude presentando i musicisti e tutti coloro che lavorano dietro le quinte grazie ai quali gli spettatori possono assistere ai concerti perché la Musica ha tutto un mondo che gira intorno e Daniele lo ha dimostrato in tutto il suo spettacolo. Un emozione tutta da vivere e cantare .

Chiara Ariviello

Comments

comments