Daniele Sciolla è il vincitore della sezione musica dell’ultimo MArtelive. Con uno stile innovativo di elettronica strumentale, il musicista ha stregato pubblico e giuria.
Dopo “Sinthesi”, il primo EP del 2012, e dopo il successo al MArtelive, è arrivato il nuovo singolo “STNDBM” che preannuncia l’arrivo di un secondo progetto discografico, e non solo. Abbiamo chiesto a Daniele Sciolla alcune cose, ecco.
  • E’ passato qualche tempo da quando hai vinto MArteLive stregando tutti con la tua elettronica fatta di collage, synth, e campionamenti. Dall’Ep Sinthesi, all’esperienze all’estero (Berlino in primis), fino ad arrivare al nuovo STNDBM, di cui è uscito già il video.
    Come si è evoluto il tuo progetto nel corso del tempo?

Ho iniziato a suonare con un computer per poter far suonare + strumenti acustici assieme, con partiture scritte da me. Avevo studiato classica e jazz, e non ne sapevo molto sull’elettronica, a un certo punto mi son messo ad ascoltare vari artisti cercando di imparare da loro.

Ho prodotto la prima traccia Old Room e assieme a Imo della Intantoversa ho fatto il video. Dopo ho conosciuto la Quantum Bit che ha pubblicato il primo EP di 6 tracce; con la prima uscita e il video ho vinto lo Sziget dj contest e ho suonato all’Heineken Balaton, poi un tour in EU.

All’inizio i suoni erano 100% digitali con alcune campionature acustiche, solo dopo questa prima fase ho iniziato ad usare synth analogici.

Di recente suonato alla Notte Bianca alla Sapienza di Roma, la Nitro Circus ha scelto Old Room per un suo video e ho vinto MArteLive assieme al trio che poi si è consolidato con il nome ANUDO.

  • Tra sintetizzatori, launchpad e controller, quanto senti che riesce comunque ad emergere il tuo animo jazz da conservatorio? E’ interessante quanto la tua esperienza musicale sia ampia, appunto da strumenti tradizionali all’elettronica più sperimentale. Come si concilieranno nel nuovo disco questi lati di te?
Cerco di esprimermi a pieno, quindi di mettere tutte le mie conoscenze in ogni traccia. Nei nuovi lavori sto utilizzando sempre più campionature (ad es. registrazioni di strumenti acustici), dalle percussioni al piano, a suoni ambientali, poi le lavoro tagliando, incollando, alzando e abbassando le frequenze. Quindi per un certo verso, jazz e classica ci sono nelle mie tracce elettroniche, anche se son celate.
  •  Attualmente sei in tour europeo con l’altro tuo progetto ANUDO, per cui è in vista un’uscita sempre per MArteLabel. Qui viene fuori di più la tua attitudine “strumentale” piuttosto che quella prettamente elettro?
In generale il progetto ANUDO è decisamente più strumentale: abbiamo 3 voci, basso, chitarra, synth, batterie elettroniche ecc. Però per quanto riguarda la mia parte all’interno del progetto, si e no: io mi occupo principalmente di elettronica anche li, quindi non utilizzo comunque gli strumenti classici, però rispetto al progetto solista sono una delle 3 voci e suono più percussioni.
  • Tra il tuo progetto solista e questo trio, quale pensi sia la forma musicale che ti rappresenta al meglio?
Proprio non saprei, è una domanda difficile, da solista sto cercando di slinkarmi dall’elettronica classica e dai vari standard del genere, in modo da esser più “sincero” e rappresentato dalle produzioni che faccio. Con ANUDO è una collaborazione tra 3, quindi io ho 1/3 della parte. Con loro ci scambiamo un sacco di idee e questo è una figata, mi arricchisce musicalmente. Entrambi i casi direi che mi rappresentano, ognuna in modo diverso.
  • In ogni caso sperimentare con i suoni è la tua vocazione. Dal video di STNDBM vediamo che il gusto per la sperimentazione ti ha catturato anche per quanto riguarda le immagini. Cosa ci puoi dire circa quest’altra capacità come videomaker?
Ci sono somiglianze tra software, e quindi iniziare a lavorare sui video l’ho trovato abbastanza intuitivo per ora. Questo è stato il mio primo lavoro completamente separato da una videocamera: l’ho fatto tutto utilizzando After Effects e mi è piaciuto parecchio. Mi piacerebbe lavorare ad altri video, approfondendo anche l’ambito visual.
  • Ti saluto con una domanda di rito, ma che con te diventa doverosa. Da tutta questa carne al fuoco, che programmi hai per il futuro?

Son in studio a registrare tracce con 4 progetti differenti: Daniele Sciolla, ANUDO, iLana ed Elephant Tides, quindi per i prossimi mesi sarò piuttosto occupato. Con ANUDO stiamo lavorando assieme a Marte label al primo disco e uscirà a breve il primo singolo. Per quanto riguarda date e news nei dettagli consiglierei di seguire i progetti sui social perchè saranno aggiornati frequentemente.

Quindi non resta che aspettare altro materiale, e speriamo di incontrare nuovamente Daniele Sciolla il prima possibile.

Comments

comments