Cigarettes After Sex fanno tappa a Roma, ospitati dal palco dell’Ex Dogana, all’interno della rassegna musicale del Viteculture Festival.

Il gruppo americano si forma nel 2008, ma esordisce nel 2012 con l’EP l., mentre circa tre mesi fa ha lanciato il brano K., che anticipa l’uscita del primo album Cigarettes After Sex.

Fondatore e frontman è Greg Gonzalez, che appena sale sul palco accarezza il pubblico con la sua voce calda e sensuale, in grado veicolare una delicatezza surreale.

Questo ciò che si percepisce ad un loro concerto: i Cigarettes After Sex sono una carezza gentile che sfiora il volto e fa chiudere gli occhi, spingendo il pubblico a perdersi nelle trasognanti atmosfere del loro ambient intenso e suggestivo.

Ciò che meglio potrebbe descrivere l’esperienza di ascoltare un loro concerto è la famosa frase “Praticate gentilezza a casaccio e atti di bellezza privi di senso”, perché anche se nella loro musica di “a casaccio” non c’è nulla, si percepisce nel complesso la bellezza e la gentilezza a cui si sta assistendo, mentre il senso ha i contorni indefiniti, in modo che ognuno possa trovare i significati in cui si riconosce di più.

La band, dunque, è in grado di far sentire forte il senso di vicinanza al suo pubblico, che ha imparato a perdersi nelle dolci melodie e nella suadente voce di Greg Gonzalez.

E il loro nome non tradisce perché la musica che arriva dal palco è davvero come “le sigarette dopo il sesso”, come quel momento di relax dopo uno di grande intensità che a sua volta sa essere intenso in modo diverso, ma ugualmente bello.

Insomma, il concerto dei Cigarettes After Sex è sensualità e passione che si uniscono a dolcezza e delicatezza, nella cornice di atmosfere sospese a mezz’aria tra sogno e veglia, in un vento delicato che ti sfiora e ti fa perdere, raccontando storie di dimensioni lontane e di mondi eterei: è una porta spalancata su una bellezza di un altro pianeta.

Comments

comments