10 settembre 2015: Carmen Consoli torna a Roma per la penultima tappa del tour “L’abitudine di Tornare”, versione live dell’omonimo album uscito a gennaio, che sta riscuotendo un grande successo di pubblico. Dopo il suo concerto al Palalottomatica dello scorso 11 aprile, la cantautrice catanese sale sul palco dell’Eutropia Festival per festeggiare i 40 anni di Amnesty International Italia con un concerto dedicato all’organizzazione per i diritti umani, che Carmen sostiene da anni.

Nel 2015 Amnesty International Italia compie 40 anni. Tanti ne sono passati da quando, nel 1975, un gruppo inizialmente piccolo di persone decise di trasformare l’indignazione per le violazioni dei diritti umani in azione concreta e quotidiana in favore di chi le stava subendo. Oggi, Amnesty International è la più grande organizzazione non governativa per i diritti umani. Con il brano “Mio Zio” Carmen ha vinto il Premio Amnesty Italia nel 2010, per il miglior brano sui diritti umani dell’anno precedente. Il suo impegno è proseguito nel 2012 con il sostegno alla campagna di Amnesty International Italia “Io sono la voce” a favore dei diritti delle donne in Medio Oriente e Africa del Nord. Acclamata dal suo pubblico che la segue in tutti i suoi concerti e che non le fa mancare mail il suo amore e il suo sostegno, Carmen Consoli sale sul palco intonando con grande sorpresa, avvolta in un’aura misteriosa di semi-oscurità, le parole di Casta Diva, celebre aria della protagonista della Norma di Vincenzo Bellini.

La cantantessa siciliana, accompagnata sul palco da Luciana Luccini al basso e dalla “dottoressa” Fiamma Cardani alla batteria, in un crescendo di emozioni propone al pubblico le dieci tracce del nuovo lavoro alternate alle canzoni più celebri del suo repertorio, da Parole di burro e L’ultimo bacio a Fiori d’arancio, L’eccezione, Geisha, Per niente stanca, Venere e Besame Giuda. Tra pop e rock, poesia e ironia, l’ispirata cantautrice, che per il suo album si è aggiudicata il disco d’oro a quattro mesi dalla pubblicazione, trasporta il pubblico negli indimenticabili anni Settanta, con le sue melodie che rievocano le atmosfere dei festival dei decenni passati (non a caso recentemente è stata convocata da David Byrne al Meltdown Festival).

In apertura del concerto, il gruppo catanese Malmaritate, formato da Gabriella Grasso (voce e chitarra), Valentina Ferraiuolo (voce e tamburi), Emilia Belfiore (violino) e Concetta Sapienza (clarinetto).

Ringraziamo l’Eutropia Festival per l’accoglienza e la disponibilità.

Per saperne di più:

Sito Web: http://www.carmenconsoli.it/

Facebook: https://it-it.facebook.com/CarmenConsoliMusic

Twitter: https://twitter.com/carmenconsoli

YouTube:https://www.youtube.com/user/carmenconsolimusic

Eutropia Festival: http://www.eutropiafestival.it/

Comments

comments