Le bizzarre variazioni meteorologiche su Roma non hanno scoraggiato, neanche questa volta, i tanti avventori che si sono recati a Villa Ada, la sera del 28 luglio, in occasione dell’atteso concerto dei Buzzcocks.

Il pubblico si è accalcato, eccitato, alle transenne e sin da subito si sono lasciati trascinare in un vortice di musica pazzesca. Il tempo passa certamente per tutti e si vede, ma ciò non toglie assolutamente che la band inglese, capitanata da Pete Shelley e Steve Diggle, gli unici due della formazione originaria del gruppo, mantenga ancora vivissimo lo smalto e la grinta degli anni di gioventù. Loro che aprivano i concerti dei Sex Pistols, che furono di ispirazione ai Joy Division, sono una delle poche band nate qualche decina di anni fa, ancora unite e con un grande seguito di pubblico. Hanno suonato per oltre un’ora e mezza senza mai fermarsi, brani appartenenti soprattutto alle prime fasi della loro carriera musicale e per questo hanno entusiasmato alla grande i numerosissimi fan di ogni età che sono accorsi al concerto (sebbene fosse un lunedì lavorativo), uno degli ultimi nella programmazione di Roma incontra il Mondo 2014.

Ringraziamo ancora una volta l’organizzazione per l’ospitalità.

 

Comments

comments