Che ci trovavamo in presenza di una delle nuove voci d’impatto dello scenario italiano lo avevamo sospettato, ma entrando in una Sala Sinopoli che velocemente si è riempita non possiamo far altro che averne la conferma.

Con ironia e semplicità, Dente sale sul palco, ringraziando i romani di avergli fatto trovare lo stesso clima milanese. Accantonati i convenevoli, si rincorrono in un’atmosfera dal gusto retrò le nuove tracce di Almanacco del Giorno Prima, come Invece Tu, Coniugati Passeggiare, Un Fiore sulla Luna, alle quali si alternano A me piace lei, Incubo, La Cena di Addio e Vieni a Vivere ed altri vecchi successi appartenenti ai passati album.

Un pubblico giovane ed interattivo quello che riempie la Sala Sinopoli dell’Auditorium e che riesce a esternare la sua gioia di essere presente a questo live solo dopo che Dente lo invita ad alzarsi per ballare ai piedi del palco, dove il giovane cantautore ha emozionato e divertito gli spettatori in questa uggiosa serata.

Ringraziamo Ausgang e Fondazione Musica Per Roma per l’organizzazione e l’Auditorium Parco della Musica per l’ospitalità.

Comments

comments