Si intitola “Talent Show” l’esordio discografico della brianzola Alessia Luche, bella e giovanissima, cantante che presta la voce e il talento ad un progetto prodotto e pubblicato dalla Bazee Records. Musica e testi curati da Eugenio Ciuccetti e Raffaele Rinciari, un bel pop energico di stampo americano cucito addosso alla Luche che sfoggia grinta e voce e forza di reggere il gioco ed il confronto di nome più blasonati. E tra questi, inquadrando il genere nelle sue linee più perimetrali, viene alla mente una certo tipo di produzione firmata Alexia piuttosto che Giorgia. In rete il video ufficiale del primo singolo estratto “Trasformazioni di me”. L’intervista per gli amici di 100 Decibel.

Un disco estremamente dipinto, acceso nei colori e con molti cambi di scena. Dopo mesi dall’uscita, in quale dei brani ti riconosci di più?
“Lasciami lo spazio” e “La leggerezza del mattino” sono brani in cui mi trovo molto a mio agio, ma tutto l’album alla fine fa parte di me.

Parlando della cover presente a chiusura del disco, “At Last” di Etta James: come mai questa scelta? E come mai questa featuring con Erika Kertesz?
At last, oltre ad essere un pezzo molto bello, è un po’ il mio portafortuna ed è la sintesi di ciò che mi ha portato ad avere un’etichetta e un album d’esordio. E’ proprio interpretando questa canzone che i miei produttori mi hanno notata la prima volta e hanno deciso di sviluppare un progetto con me. Dopo pochi mesi siamo così volati ad Amsterdam, dove si è svolto parte del lavoro e  dove ho avuto il piacere di conoscere Erika. Così è nata l’idea di questa bella collaborazione.

Esperienza di POP tinto di Soul. Ti sei riconosciuta? Pensi continuerai su questo filone? Oppure cambierai strada per andare altrove?
E’ un mondo che in effetti  non disprezzo affatto. Ma sono tante le influenze che caratterizzano il mio rapporto con la musica. Proprio in questo periodo sto lavorando con la mia etichetta per identificare con maggior precisione quale sarà la mia strada futura.

Dista ormai 5 mesi il video “Trasformazioni di me”. Pensi ne farai un altro?
Girare i video è così divertente che vorrei sicuramente farne altri, sia in Italia che all’estero. Intanto proprio in questi giorni è uscito proprio il videoclip girato in studio ad Amsterdam durante la registrazione di At Last. Lo si può vedere sul mio profilo facebook, sul mio sito ufficiale e sulla mia pagina di YouTube. Per il resto, adesso è soprattutto il momento di lavorare per i live, studiare i pezzi, provarli con i musicisti.

E per finire: un tuo bilancio per questo esordio. Era quello che ti aspettavi?
 Uscire con il mio primo album è stato un traguardo molto importante. Il bilancio quindi è di per se positivo. Sia i singoli che il disco sono stati apprezzati dal pubblico e dalla critica, cosa che mi ha resa molto contenta. Ma non ci fermiamo qui. Sono ancora giovane e gli obiettivi sono davvero tanti!

https://youtu.be/Kd9FRby8z_8

Comments

comments