Si è aperta, con l’anteprima che ha visto Alanis Morissette calcare per la prima volta il palco di Piazza Duomo, la trentanovesima edizione del Pistoia Blues. L’artista canadese, dopo sei anni dal suo ultimo concerto, è tornata live in Italia con tre concerti, tra i quali appunto quello di Pistoia (che segue quello di Roma e precede quello di Milano).
Benché siano ormai trascorsi ormai vent’anni dalla pubblicazione di Jagged Little Pill e pur senza gli iconici capelli lunghi che ne hanno da sempre accompagnato l’immagine, la cantante ha comunque subito fugato ogni possibile smarrimento  iniziando a cantare col suo solito timbro, esibendo una voce intatta e potente e spostandosi da una parte all’altra del palco senza un attimo di pausa.
La scaletta proposta è stata ricca di hits, a cominciare da All I Really Want in apertura, e passando per Ironic, Hand In My Pocket, Thank You e You Oughta Know.
Appuntamento al Pistoia Blues per il fine settimana per ammirare James Blunt (venerdì 13 luglio), Steve Hackett (sabato 14 luglio), Mark Laneghan e i Supersonic Blues Machine con Billy Gibbons degli ZZ Top (domenica 14).

setlist:

All I Really Want
21 Things I Want In A Lover
Forgiven
Woman Down
You Learn
Perfect
Guardian
Right Through You
Hand In My pocket
Baba
Everything
Head Over Feet
Hands Clean
Ironic
You Oughta Know
Wake Up
Uninvited
Thank U

Comments

comments