Sabato sera ha segnato il ritorno dei Moseek al Teatro Quirinetta di Roma, luogo culto della capitale e palco magico per la band romana.

Moseek

Ti riporto al momento in cui abbiamo detto chiamiamolo Gold People.
Era l’anno scorso e già avevamo in mente di dedicare tutto quello che stavamo facendo a delle persone che per noi sono importanti.

Il disco stesso racconta i fatti di molta gente, i miei e delle persone d’oro che mi circondano, quindi in primis sono le persone stesse delle canzoni quelle cui dedichiamo il disco.
Poi era anche un modo di prefigurarsi ciò che sarebbe successo, ci piaceva l’idea di dedicarlo a quelle persone che ci seguono e ci sostengono.
(100 Decibel incontra i Moseek)

Era il 27 Maggio di un anno fa, quando dopo X-Factor i ragazzi dei Moseek si affacciavano per un concerto evento per il lancio del loro disco Gold People. Oggi, dopo quasi un anno, il ritorno sullo stesso palco, con la stessa energia che li ha sempre contraddistinti in tv come live, pronti a far cantare il pubblico di fedelissimi e curiosi presenti.

L’energia di Elisa Pucci alla voce e tamburo insieme a Fabio Brignone al basso e synth e Davide Malvi alla batteria e sequencer hanno dato vita ai loro più seguiti e amati successi. Da rimembranze del talent televisivo di Sky, con Revolusion, Relax, Elliot a pezzi che ne hanno scandito la maturità artistica e l’originalità di stile come Venice and Paris, Leaf, Starship Troopers.

Moseek

Siamo come le anime gemelle che stanno insieme tutta una vita, abbiamo un equilibrio spontaneo.
La viviamo come una vera e propria fortuna.
(100 Decibel incontra i Moseek)

L’impressione è sempre d’impatto, positiva, roboante, in un susseguirsi di musicalità elettroniche e pop che ne rendono unica l’esecuzione musicale. L’affiatamento ormai è totale, la coralità si deduce anche da intrecci stilistici e strumentali sempre perfetti e armonici.

Mai ripetitivi o banali, gli arrangiamenti sprigionano potenze musicali in cui la batteria di Davide Malvi e il synth di Fabio Brignone accompagnano alla perfezione una voce moderna e perfetta per questo contesto elettro-pop come quella di Elisa.

Moseek

La verità è che le sonorità dei Moseek sono una ventata di aria fresca in un palcoscenico italiano al momento privo di quel sound europeo, a volte nordico, che spesso viene ricercato ma mai compreso e approfondito fino in fondo. L’abbraccio di questi ragazzi al loro travolgente pubblico, la loro semplicità e spontaneità, la passione per la musica, il loro contagioso entusiasmo sono la ricetta di questo piccolo miracolo e del loro successo.

 

I Moseek hanno suonato e cantato:
Tropic Thunder
Starship Troopers
Revolusion
Pills
Leaf
These boots are made for wolking
Heron
Tiger Tiger
Relax
So sad
Do I wanno know
Tina

Beth
Elliot
Venice and Paris

Comments

comments