Matteo

Guardo l’orologio. Sono in ritardo. L’aria fredda aumenta di intensità. Cerco di svicolare in mezzo al traffico. Ecco, intravedo il Pigneto, la mia meta. Giro al semaforo ed ecco laggiù che compare ‘Na Cosetta con la sua aria familiare, affascinante e suggestiva. Parcheggio lo scooter e varco la soglia. Saluto Luca, Stefano e gli altri ragazzi e scorgo Gabriella già intenta nel soundcheck. E’ da parecchio che non ci vediamo. “Trovo una nuova Gabriella” d’istinto mi trovo a dirle, appena la vedo.

Gabriella Martinelli

Nuovo look, nuova band, nuovo disco in arrivo. L’Officina Pasolini con un maestro d’eccezione: Niccolò Fabi. “Forse verrà anche lui” mi dice Gabriella. Una vera e propria rivoluzione. Mi presenta i musicisti che la accompagnano in questo tour molto suggestivo: si respira da subito un’aria piena di emozioni positive. “Gabriella e gli Amici”, un nome affascinante, ad ogni tappa vengono a trovarla sul palco cantanti diversi, da varie parti d’Italia. Stasera sarà il suo debutto. E due attrici che con il rossetto in mano la sostituiscono nel suo rituale della scrittura di alcune parole sul corpo, un “must” dei suoi concerti. Nuovi strumenti compaiono sul palco. Le melodie si diffondono nella sala, con i tavoli già pronti ad accogliere il pubblico. Non mi rimane che tirar fuori l’attrezzatura e lasciarmi trasportare dalle emozioni che avrò il piacere di immortalare.

 

Gabriella

Fuori è freddo. La porta è ancora chiusa… io che non ho un buon rapporto con la puntualità lo ammetto, questa volta sono in largo anticipo. Non vedo l’ora sia il momento. Ho un ukubasso sulle spalle e le mie tre pesantissime agende nello zaino. Aspetto gli amici: Nicoletta ha preso un treno da Cesena ieri pomeriggio e Carlo è un compagno di merende. Faranno dei loro pezzi durante il mio spettacolo.

Gabriella Martinelli

Daniele è uno scrittore e leggerà i suoi pensieri. Giulia e Albachiara lavorano nel teatro e anche loro stasera saranno con me sul palco, si scriveranno addosso con dei rossetti durante il concerto. Paolo e Luca sono due musicisti incredibili e io non vedo l’ora arrivi “il momento”: aspetterò occhi attenti e racconterò storie nuove. Sono felice. Intravedo hamburger e potato cup fumè in ogni dove… il vino sarà lo stesso, anche lo spazio, il senso e si farà movimento. “Nardone ma ci sei anche tu?! Ne è passato di tempo… si, ho tagliato i capelli. E tu come stai? Ti trovo bene! “

Comments

comments