Recensione di Barbara Andreoli

Divertente, divertito, tutto da ballare per iniziare a gustare il sapore dell’estate in questo anticipo di primavera: è Caramba, il primo album degli Audio Magazine -nonostante i loro 15 anni di carriera alle spalle.

Gli Audio Magazine (Andrea Cardillo – voce e chitarra, Francesco Carusi –voce e tastiera, Kikko Careddu – batteria, Vittorio Longobardi – basso, Enrico Sotgiu – percussioni, Lamine Mbaye – percussioni) dal 2003 a oggi hanno fatto ballare mezza Italia con concerti sold out e molto partecipati, all’insegna di sonorità latine e pop, suoni brasiliani e grande carisma, che fa di ogni loro live una festa.

Come una festa sembrano rappresentare le 8 tracce di Caramba, forti della collaborazione con Max De Tomassi – uno dei massimi esperti italiani di musica brasiliana, nonché direttore RAI di Brazil – e Rogé, celebre compositore carioca, ai quali i ragazzi si sono affidati per dare all’album tutti i colori musicali del Brasile, facendoli incontrare con sonorità più pop.

Anticipato da “Ore Ore”, singolo che apre la colonna sonora dell’ultimo film di Massimiliano Bruno “Beata ignoranza” con Alessandro Gassman e Marco Giallini, i brani di Caramba – tra cui L’amore non conviene, Un pop di samba (Olè Olè) e Cento Baci – fondono infatti reggae, samba, pop e rock in una commistione di sonorità e generi che dal 2003 è diventata la cifra distintiva della band, con il comune denominatore di un groove sempre e comunque trascinante.

Se stupisce l’attesa del gruppo per pubblicare il primo vero e proprio album, ciò che subito “salta all’orecchio” è quanto l’esperienza live abbia positivamente condizionato l’intero lavoro discografico, riuscendo a trasmettere l’energia e le sfumature della musica dal vivo, rendendo un progetto registrato in studio tra Roma e Rio un assaggio di concerto: giocoso e coinvolgente.

Insieme agli inediti, in Caramba, troviamo anche il riarrangiamento di uno dei tormentoni del 2003, “Ma Dai” scritto da Mario Lavezzi e Costanzo, portato al successo e al Disco d’Oro, dallo stesso Cardillo.

Non ci resta che scoprire tutte le tracce di Caramba aspettando il prossimo tour per poter ballare per Ore e Ore e oltre.

Comments

comments